15

Il mio Baby Shower brasiliano [Chá de bebê]

martedì, maggio 17, 2016

Il nome portoghese sicuramente non dirà nulla alla maggior parte di voi, ma il termine Baby Shower è ormai noto anche in Italia, seppur ancora non molto in uso. Negli Stati Uniti è un'abitudine ormai radicata e lo stesso vale in Sudamerica, senz'altro in Brasile dove viene chiamato Chá de bebê, letteralmente tradotto in Tè di neonato. Esiste anche una variante altrettanto utilizzata, in base ai gusti e soprattutto alle necessità della futura mamma ed è Chá de fraldas, ovvero Tè di pannolini. La differenza sostanziale tra i due tipi di festa riguarda i regali. Nel primo caso la futura mamma prepara una lista, qui chiamata enxoval, che possa aiutare i partecipanti nell'acquisto e questa è un'usanza tipica anche di casa nostra. Nel secondo caso invece la mamma chiede in regalo pannolini, un pensiero certamente meno romantico, ma altrettanto utile considerati i costi e l'inevitabile utilizzo. Quest'ultima è stata anche la mia scelta, nonostante le mie amiche avessero già preparato per me una lista ed il motivo è piuttosto semplice, ovvero la già citata impossibilità di gestire due diverse liste in due parti opposte del mondo. In Italia infatti ho una lista piuttosto completa di cose che mia madre porterà domani, con mia felicità e trepidazione il suo arrivo è ormai imminente ed i miei suoceri tra un paio di settimane circa. Così la scelta è stata in qualche modo obbligata, per evitare di ritrovarmi con cose inutili, anche perché in patria si sono tutti lasciati prendere un po' la mano e la quantità di roba che arriverà probabilmente sarà sufficiente per almeno altri due figli, con l'unico vincolo di essere Femmina!! Questa scelta è stata presa anche per evitare che NE provasse sentimenti di gelosia nel vedere tutti i regali destinati alla sorella e niente che riguardasse lui. Lo avevo preparato sui pannolini e lui mi aveva astutamente fatto presente - ridendosela sotto i baffi - che lui certo non li usa più, perché non è un neonato e che no, assolutamente non li vuole. In ogni caso e con mia grande sorpresa, durante la festa ogni partecipante mi ha regalo un pacco di pannolini accompagnato però da un regalo scelto a proprio gusto e la cosa non solo mi ha commossa, ma è stata anche infinitamente gradita.


Quando si abita all'estero stringere amicizie non è per niente semplice, tantomeno scontato. I legami sono costruiti su pochi anni di conoscenza, spesso sono fragili e si fatica a farsi coinvolgere del tutto. Ci si abitua a conoscere e altrettanto a salutare. Se è vero che non ci si abitua mai agli addii, lo è anche che diventano parte della nostra vita. Le mie più care amiche di qui se ne sono andate una dopo l'altra, perché vivere all'estero e soprattutto vivere in una città turistica è così, una vita fatta di partenze e qualche ritorno. Io per prima l'ho fatto, esattamente l'8 maggio di sei anni fa, quando ho deciso di mollare tutto e partire con mio marito all'avventura, oltreoceano. 
Ultimamente però, mi sento particolarmente fortunata nel poter contare sull'amicizia di alcune ragazze  di nazionalità differente, con le quali abbiamo formato un gruppo affiatato. Quando conosco persone qui mi domando sempre se sarebbero le stesse che sceglierei trovandomi a casa mia, nonostante l'Italia non la senta ormai tale più di quanto non senta questa - non più così nuova - residenza ed in questo caso la risposta è sì, con mia sorpresa. Adoro ognuna di queste donne e mi sento infinitamente grata per poterle avere nella mia vita e di poter contare su di loro. Nel caso del mio Chá de bebê inoltre, si sono davvero superate, organizzando solo per me una festa davvero perfetta.


Il mio arrivo è stato trionfale o più precisamente lo è stata l'accoglienza. Mi hanno atteso tutti sulla porta e mi hanno ricevuto con affetto, sorrisi e abbracci a non finire, senza contare i coriandoli che mi sono rimasti addosso per tutta la durata del party. Abbiamo, di comune accordo, scelto di far partecipare anche gli uomini, volevamo che fosse una festa per tutta la famiglia ed io volevo che anche mio marito fosse parte di un momento che sapevo sarebbe stato speciale, nonostante non immaginassi quanto.
Il rosa dominava la grande sala che avevano addobbato per me. Lo spazio è quello dove normalmente ballo e lì dentro ci sono racchiusi bellissimi ricordi, come le numerose feste e congressi di danza, il mio compleanno e adesso anche quest'ultimo. Una delle mie amiche lo fa di lavoro, organizza feste di ogni tipo ed il suo tocco non è passato inosservato. Due tavole imbandite con piatti di ogni tipo e - ancora una volta - diverse nazionalità, tanti gufi e fiori [!!!] come ornamento ed una bellissima torta di pannolini, un classico. Foto, foto e foto, da tutti i lati ed inquadrature. Abbracci, auguri e affetto da parte di tutti gli invitati. Persone care ognuna a modo proprio, perché è passata l'epoca in cui si invita gente per fare numero e chi presenzia l'evento lo fa perché ci tiene, perché vuole essere parte di un momento importante per il festeggiato. Emozione e gratitudine da parte mia, infinita, totale, con la sensazione di essere davvero fortunata ad aver costruito qualcosa anche sul piano delle amicizie in questa parte di mondo.


Durante la festa ci sono stati vari giochi. Prima i bambini presenti hanno fatto disegni e scritte per me e NF. Poi c'è stata la gara di cambio pannolini degli uomini, compresi quelli che non sono ancora diventati padre. Probabilmente la parte più divertente di tutta la festa, vedere tutti questi maschi indaffarati a pulire omogeneizzato al posto di cacca, accuratamente spalmato sul sedere di due bambole. Il trofeo è stato un ananas ed il vincitore mio marito, penso abbastanza meritatamente e la cosa non mi meraviglia, con NE è sempre stato partecipe e sono certa che lo sarà anche con la bambina. In ogni caso avrà tutto il tempo per perfezionare la sua tecnica di cambio pannolino, consapevole di poter contare sul suo aiuto nel tempo. L'ultimo gioco è stato organizzato per me e aveva come obiettivo l'apertura dei regali. Per ogni pacco dovevo indovinare il mittente e in caso di errore - piuttosto ovvio considerata la difficoltà nel capire chi lo avesse fatto a scatola chiusa - la persona da me chiamata mi avrebbe dipinto la pelle o messo qualcosa addosso!! Inutile dire che alla fine ero coperta di scritte e di bigiotteria decisamente kitsch, con le sembianze di un bizzarro pagliaccio piuttosto cicciottello.




Questa festa è stata per me come una piccola favola ed in quanto tale, è come se possedesse una morale. Ancora una volta protagonista è la condivisione che in questo caso è fisica e non virtuale, nonostante io conti tanto sulla prima quanto sulla seconda. Il fatto è che senza le mie amiche tutto questo non sarebbe accaduto ed io non sarei stata certo meno felice, ma avrei perso una giornata che invece rimarrà certamente impressa nella mia memoria. Per concludere quindi, un party non fa la felicità... ma l'amore delle persone che con tanto impegno lo organizzano per te, quello invece sì!!



"Quando entriamo nella famiglia, con l'atto di nascita, entriamo in un mondo imprevedibile, un mondo che ha le sue strane leggi, un mondo che potrebbe fare a meno di noi, un mondo che non abbiamo creato. In altre parole, quando entriamo in una famiglia, entriamo in una favola."  
[Eretici - Gilbert Keith Chesterton]

ti potrebbero anche interessare

15 commenti

  1. Che belli che siete mi sono commossa...non vedo l ora di leggere il post sulla nascita di questa principessa tanto attesa e amata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vivo di sentimenti contrastanti. La voglia di averla qui tra le mie braccia ed il voler prolungare ancora quest'attesa!! :)
      Grazie per la gentilezza.

      Elimina
  2. Che bellezza, sei fortunata ad avere delle amicizie così care attorno a te...ma del resto, sono sicura che te le meriti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia più questione di fortuna che di meritocrazia. In ogni caso è davvero bello avere persone care intorno, soprattutto quando si abita così lontano!!
      Un bacio, mia cara.

      Elimina
  3. Le amicizie vengono e vanno, importano i ricordi che lasciano e questo è bellissimo! Poi come porti la - ehm - panzetta... uno schianto sei!
    Manca solo la recem nacida... mi sa che la vedremo al prossimo post ormai... uauuuuuuuuuu
    Un abbraccio pannoloso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, le amicizie che restano sono poche. Ma a mio avviso vale sempre la pena viverle, indipendentemente dalla durata.
      La "panzetta" tra poco esplode e sì, manca davvero solo lei ormai!!
      Ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  4. Siete troppo carini!!!
    Quando ho visto la panciona dipinta con il nome di tua figlia mi sono commossa, per te, per tutto il tuo vissuto e per questo fantastico traguardo e per me, perchè mi sono ricordata le mie pancione dipinte...la mia ultima era un orologio, con lancette e numeri...anzi sembrava più la sveglia di paperino, hai presente? Un caro abbraccio a tutti voi, fatti coccolare dai tuoi cari, quelli al tuo fianco e quelli che stanno arrivando!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono tanto per questa cosa di dipingere la pancia, ma devo dire che è stato divertente... soprattutto per le mie amiche!! ;D
      Oggi è un giorno speciale, la mia famiglia riunita è un regalo immenso ed io mi sento euforica!!
      Un caro abbraccio a tutte voi, bellissime.

      Elimina
  5. In effetti neanche io sono per queste cose...nel senso che non amo troppo tutti i rituali dietro all'attesa, alla gravidanza, al post nascita...anzi, solitamente li evito o li faccio in forma privata...per Bianca, in effetti, la prima, non ci ho neanche pensato, per le altre due è sempre stata una delle sorelle a farlo, come gesto d'affetto e perciò da me assai gradito!!! Anche nel tuo caso, le amiche...le attenzioni, in questo caso, non guastano!!! Un bacione

    RispondiElimina
  6. Bellissime foto, si vede che è stata una festa veramente sentita!!!Manca poco ragazza....sei pronta???? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pochissimo, questione di giorni ormai. Sono tanto felice, pronta non lo so :)

      Elimina
  7. Quanta felicità traspare dai vostri visi. Quanto amore, da dare eda ricevere.
    Che bella festa ti hanno organizzato

    RispondiElimina
  8. Ciao!! Mi emoziono sempre a leggerti, e sono felice per l'affetto che ti circonda (te lo meriti). Un abbraccio.

    RispondiElimina

Translate

I miei post via mail

Like us on Facebook