34

Trentacinque [e questa volta non parlo di settimane]

sabato, aprile 02, 2016

Trentacinque. E questa volta non parlo di settimane, ma bensì di anni. I miei, quelli che compio oggi 2 aprile. Figlia di uno scherzo, mi ripetono da sempre essendo arrivata dopo solo poche ore da quello che è considerato il giorno più burlone dell'anno, il pesce d'aprile. Io preferisco definirmi figlia della primavera, nonostante il fatto che dopo il trasferimento in Brasile abbia dovuto barattare questa stagione con l'autunno, tale solo di nome.
Se però quel numero non ha nulla a che vedere con la gravidanza, in qualche modo questa data è  per me speciale due volte e la ragione oltre al mio compleanno è che in questo stesso giorno, ad esattamente trenta settimane più cinque, entro ufficialmente nell'ottavo mese.


Prima della fine dell'anno 2015 mi è capitato spesso di pensare al giorno del mio prossimo compleanno. Nella mia mente avevo fatto una scaletta delle date importanti che ci attendevano in relazione all'avanzare della gravidanza ed ognuna di esse mi trasmetteva una sensazione diversa. Più lontano era l'evento, più mi sembrava impossibile raggiungerlo e più il sogno di diventare mamma per la seconda volta diventava concreto. L'inizio di dicembre segnava la fine del primo, patito trimestre e ci permetteva di tirare il primo respiro di sollievo. Natale era l'incognita, la prima festività incontrata e ambita. A seguire l'inizio dell'anno nuovo, punto dal quale cominciare una nuova vita per tutta la nostra famiglia. Pochi giorni dopo, il nostro settimo anniversario e a ruota il compleanno di mio marito. Tutti eventi non attinenti con la gravidanza, ma che per me segnavano un ulteriore step verso il nostro grande sogno. Allargare la nostra famiglia e poterlo fare grazie alla PMA questa volta.
Nel caso di mio figlio NE è stato diverso, perché lui a casa è arrivato dopo un'attesa decisamente breve e nonostante la paura sia rimasta tra le nostre mura per un ulteriore anno, ovvero fino al giorno in cui abbiamo firmato l'adozione definitiva, io il mio bambino lo avevo tra le braccia e peccando di presunzione ho sempre creduto di poterlo proteggere da qualunque cosa o persona. Nel caso di mia figlia NF [Sì, abbiamo scelto il nome e presto lo condividerò con tutti voi!!] è un po' diverso, in realtà è abbastanza diverso. Lei è dentro me e questo in teoria dovrebbe darmi sicurezza, ma nella pratica lei è dentro un corpo che per anni è stato inadatto ad accogliere la vita e questo per me rimane un corpo che ha dovuto adattarsi e modificarsi ancor prima di cambiare forma, prima di diventare rotondo come oggi, un corpo che si è dovuto reinventare e che ha avuto bisogno di aiuto prima di essere pronto ad accogliere la vita. Per me l'adozione è stato un passo ovvio, naturale. La PMA anche, ma non la gravidanza che invece ha richiesto e tutt'oggi richiede lavoro e forza da parte mia, in qualità di donna e mamma.
È per questo motivo che festeggiare questo compleanno è qualcosa che va oltre i miei anni e che somiglia ad un inno alla vita, una festa per questa primavera che è giunta nel mio corpo dopo ben trentacinque anni di attesa. È chiaro che l'attesa per la maternità non sia stata così lunga, ma ho la tendenza ad esasperare i concetti che mi stanno a cuore. È un compleanno speciale e sicuramente entrerà a far parte di quelle date che rimangono, nonostante il trascorrere del tempo e l'accumularsi di ricordi. No, non è il mio compleanno più bello come tante persone tendono a sottolineare. Ce ne sono stati altri felici e questa gravidanza si aggiunge ad una felicità già esistente, completa o più precisamente arricchisce una famiglia già formata e solida. Non è il periodo più bello della mia vita questo, per quanto meraviglioso. L'ovvia preoccupazione che ha accompagnato questo eccitante tragitto non ha permesso a questi mesi di guadagnarsi quel merito che per tante persone sembra scontato, come se la vita di una donna e così anche la sua felicità si concentrasse esclusivamente nel momento in cui si riempie di vita. Ci sono fasi, cicli, momenti della nostra esistenza che segnano il nostro passaggio e che rimangono indelebili, ognuno bello a suo modo, ognuno speciale e certamente questo è uno di quello, ma non l'unico e nemmeno il più. Mi aspetto ancora tanto dalla vita, mi aspetto ancora di crescere ed inevitabilmente invecchiare, mi aspetto ancora la meraviglia e lo stupore nelle piccole e grandi cose. Parlo oggi con cognizione di causa per il nostro trascorso e parlo oggi mentre affrontiamo un periodo in cui ad accompagnare questo miracolo che porto dentro il mio ventre, c'è un morbo che ha tutt'altra origine e che toglie il sonno a me e mio marito. Problemi legati a cose materiali ma che non per questo lo sono meno, che non per questo sono più facili da affrontare. Ci aspettano anni di beghe, momenti di paura e nuovi ritardi su progetti che pensavamo di poter realizzare facilmente adesso. Ci aspetta uno dei momenti più difficili della nostra vita insieme. L'imprevedibilità della vita, quante volte l'ho detto che è una stronza e che le difficoltà sono sempre in agguato. Ci sono poi persone più predisposte e temo che la nostra famiglia rientri in questo quadro, ma so anche le capacità che abbiamo di uscire fuori dal fango, sono cosciente della forza che ci contraddistingue e della determinazione. Sarà dura, ma torneremo a sorridere e lo faremo anche grazie ai nostri figli che sono la nostra allegria quotidiana e che ci ricordano che tutto può crollare intorno a noi, purché noi quattro si rimanga in piedi.


I miei regali quest'anno sono tutti nella foto qui sopra. Due li ricevo quotidianamente, uno rimane in attesa di essere scartato. Un altro regalo è stata l'ecografia di ieri, che vi racconterò nel prossimo post. Ho voluto fortemente che fosse prima per poter festeggiare con l'animo leggero, almeno per questo motivo. L'animo leggero non ci sarà, ma Lei sta bene e questo oggi basta. Volevo che la festa fosse degna di essere chiamata tale, perché onestamente quando gli anni smettono di cominciare col due non è che proprio ci sia questa gran furia di vedere crescere il numero che riguarda la nostra età e ci ricorda da quanto tempo siamo qui, oltre a darci un'idea di quanto ce ne rimane. Trentacinque anni non sono tanti, ma non sono pochi ed è vero che quello che conta è il modo in cui sono stati vissuti.
"La più bella età di una donna è quando smette di compiere gli anni ed inizia a compiere i suoi sogni."
Quando tempo fa pensavo a questo giorno, immaginavo di poter dire di non desiderare nulla di più ed è in parte vero. Per quanto riguarda la mia famiglia non chiedo altro, per la nostra serenità invece spero che tutto si risolva. Non velocemente perché so che è impossibile, ma che almeno tutto finisca bene come è accaduto fino ad adesso. Non mi spaventa affrontare una tempesta, non affondare è quello che importa e possibilmente tornare a riva. Qualunque essa sia.


"Anche per chi ha passato tutta la vita in mare c'è un'età in cui si sbarca."
[Il barone rampante - Italo Calvino]

ti potrebbero anche interessare

34 commenti

  1. Che belli siete. Tanti specialissimi auguri!

    RispondiElimina
  2. Tantissimi auguri, spero che le cose andranno per il verso giusto. L'importante è non perdere mai di vista le cose belle che ti circondano, la tua famiglia, l'amore che vi lega (che è così forte che si vede nei vostri occhi).
    Buon compleanno, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto consiglio!! Non permetterò a nessun problema, per quanto grave, di rovinare un momento così cercato e atteso :)
      Ti abbraccio.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Buon compleanno :) e tanta tanta serenità per presente e futuro :***

    RispondiElimina
  5. auguroni supersonici per questa splendida 35enne che poi è una bellissima età.

    RispondiElimina
  6. Tanti auguri di buon compleanno e che le beghe possano risolversi meglio del previsto, e piu' velocemente! Sei nata lo stesso giorno di mia sorella, ma non potreste essere piu' diverse (ed e' un complimento!) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo, sarebbe imperdonabile rovinare un momento così speciale!!
      Ricordo di aver letto di tua sorella sul blog e spero che le cose vadano meglio. Un grande abbraccio.

      Elimina
  7. Siamo di aprile entrambi. Figlie della primavera.
    Buon compleanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condividiamo qualcosa di molto bello.
      Grazie, Annina.

      Elimina
  8. Tanti auguri dolce Eva.
    Siete bellissimi tutti e quattro insieme.
    Che la vita vi sorrida a lungo.

    RispondiElimina
  9. buon compleanno...e in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  10. Anche se in ritardo..buon compleanno!! 😘

    RispondiElimina
  11. Tanti auguri a te bellissima Eva! E stai tranquilla che tutti i problemi si risolveranno! Un bacione

    RispondiElimina
  12. Mi dispiace, cosa è successo? Qualcunque cosa sia la supererete insieme come vaete fatto fino ad ora, ne sono sicura!!! Tanti auguri, per questo compleanno speciale!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima!! È qualcosa di complicato anche da spiegare...
      Bene o male - si spera bene!! - ne verremo fuori. Solo che avrei preferito non veder rovinato un momento tanto speciale.
      Ho letto del tuo lavoro... in bocca al lupo e che la situazione si risolva nel migliore dei modi.

      Elimina
  13. Ti rinnovo i miei migliori auguri di compleanno e mi spiace sapere che c'è qualcosa che vi preoccupa ... Sicuramente la forza e la determinazione non vi mancano e i vostri meravigliosi bambini vi aiuteranno a reagire con positività e fiducia!
    Un abbraccio!
    Benedetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io mi faccio forza con questo pensiero. Considerato il nostro trascorso, affronteremo anche questa e con un po' di fortuna la supereremo!!
      Ti abbraccio.

      Elimina
  14. Tanti auguri!
    35 anni è anche la mia età e io sono così in ritardo rispetto a te, mi devo sbrigare! ;-)
    Un abbraccio cara
    A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, carissima A!!
      Non esiste una scaletta da seguire nella vita e se ci pensi bene, anche noi non è che abbiamo fatto proprio le cose in maniera "classica" ;)
      Ti abbraccio

      Elimina
  15. Tanti auguri!
    Ho seguito la tua storia dall'inizio di questa gravidanza (anche se è il primo commento che lascio) e sono davvero davvero felice di vedere che sei arrivata a questo punto. Anzi, che siete!
    Non vedo l'ora di leggere il post sull'eco :)
    Ti faccio i miei migliori auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per gli auguri, per l'affetto e per esserti palesata. Ne sono felice!!
      Un grande in bocca al lupo a te per tutto ;)

      Elimina
  16. I vostri bambini vi daranno l'energia e la forza per superare ogni cosa! Siete splendidi! Vi abbraccio
    Elisabetta
    P.S.: non vedo l'ora di scoprire il nome della piccola principessa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo penso anche io. Almeno saranno la nostra isola felice <3
      Per il nome direi che ci siamo e presto scriverò a riguardo!!
      Ti abbraccio

      Elimina
  17. Ciao e Buon compleanno, è la prima volta che scrivo ma ti seguo da un po'...ti auguro che tutto vada per il meglio e se posso lasciarti un poco della mia esperienza (ho 47 anni...dio mio...4-7 e due bimbe di 10 e sette anni), gli anni dai 35 ai 45 sono, per una donna con i bimbi come i tuoi molto impegnativi ma in assoluto i più belli!
    Come credo tu stia sperimentando, nelle tempeste dove cercavi un porto sicuro, quel porto lo diventerai tu e scoprirai di avere fondamenta e braccia di una forza infinita, una forza che sgorgherà dalla consapevolezza e dalla gioia che tu e tuo marito avete una grande responsabilità ma anche un senso profondo della vostra esistenza non barattabile con nient'altro, in ogni istante e in ogni respiro, voi sarete sempre mamma e papà e avrete per mano i vostri figli!
    Ti mando un augurio speciale!

    simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo messaggio, Simona.
      La tua esperienza mi interessa eccome e come tu mi hai scritto, mi rendo conto sempre di più di essere io quel porto sicuro di cui parlo, che poi è il nome della città dove abitiamo e che mi ha dato la possibilità di diventare mamma la prima volta!! Col mio trascorso, ovvero con la paura costante di non poter mai diventare genitore, faccio spesso l'errore di pensare che una volta arrivati sulla terra e soprattutto tra le mie braccia, la parte difficile legata ai miei figli sia conclusa. Ma se mi fermo a riflettere so perfettamente che c'è molto altro e che la vita pone tanti ostacoli durante il cammino. Forse è anche questo a renderla tanto eccitante.
      Mi aspettano anni intensi e io li immagino bellissimi!!
      Un abbraccio grandissimo a te e alle tue figlie. Grazie per avermi scritto!!

      Elimina

Translate

I miei post via mail

Like us on Facebook