48

Non riesco a toglierti gli occhi di dosso [Una storia d'amore. La nostra.]

venerdì, gennaio 08, 2016

Quel giorno l'appuntamento era con una Smart verde, appena fuori la mia città e come di consueto non sapevo esattamente chi ci avrei trovato dentro. L'agente immobiliare è stato il mio lavoro per circa otto anni, nella mia vita italiana ormai apparentemente così lontana. Era un periodo buono quello per il mercato immobiliare, io ero giovanissima e molto determinata.
La casa in questione era un grande terratetto ed i miei clienti erano, avrei scoperto più tardi, due donne. Madre e figlia. La prima visita andò come di consueto, l'immobile sembrava quello giusto e non tardò ad arrivare una seconda. Questa volta l'appuntamento era stato fissato nell'ora del tramonto, la mia preferita e mentre stavamo ripercorrendo le stanze, una ad una, arrivò un ragazzo col quale avevo precedentemente parlato al telefono. Una parte consistente del mio lavoro si svolgeva al telefono ed ogni giorno avevo modo di parlare con tantissime persone, eppure quella voce mi aveva in qualche modo colpito, anticipando un aspetto decisamente sexy ed è proprio così che lo hanno visto i miei occhi quella sera, confermando la mia ipotesi.
Lo vidi in lontananza scendere dalla sua auto, una Ka blu notte decisamente troppo piccola per la sua statura. Indossava un paio di jeans ed una camicia a quadri un po' fuori moda, che a me parve perfetta. Ero contenta di come ero vestita quel giorno, sentirsi bene nei propri panni aiuta l'autostima e quella maglietta un po' scollata sdrammatizzava i jeans lunghi. Non ho mai avuto simpatia con i pantaloni e ho sempre preferito indossare abiti leggeri, anche in inverno e rigorosamente senza calze. In ogni caso quello era un giorno d'inizio estate e si sa, è quella l'epoca in cui l'amore sembra essere alla portata di tutti. Quel ragazzo si presentò in qualità di tecnico, oltre che rispettivamente di fratello e figlio delle due donne. Lo fece in maniera distaccata e fu anche l'unica attenzione ricevuta da quel giovane uomo che inspiegabilmente mi faceva battere il cuore. Ricordo perfettamente la sua aria indifferente, il suo maggiore punto di forza. Ma questo lo avrei scoperto molto più tardi. Quella sera non avevo certo idea che in quella casa io ci avrei trascorso momenti bellissimi, che di tramonti ne avrei visti molti altri, che quelle due donne sarebbero diventate parte della mia famiglia e che quel bellissimo ragazzo sarebbe un giorno diventato mio marito.


E' così che ci siamo incontrati.
Un colpo di fulmine per me e non per lui, che invece ci ha messo molto più tempo. La compravendita andò a buon fine, ma non accadde lo stesso col suo interesse nei miei confronti. L'estate passò e il caso, più elegantemente chiamato destino, ci fece rincontrare in un locale della nostra città piuttosto frequentato all'epoca. Io uscivo con una ragazza che credevo amica, di quelle che devi aspettare che ti infilino un coltello nella schiena prima di renderti conto di che pasta sono fatte. Le avevo ovviamente parlato di quel ragazzo e del mio interesse nei suoi confronti, ma non potevo immaginare che lei lo conoscesse e che, da quel momento, avrebbe fatto di tutto per averlo. Il mio orgoglio ed il mio essere amica mi fece mettere da parte. Capitolo chiuso.
Avevo ventitré anni. Ricordo quello come l'ultimo anno della mia gioventù, prima che insieme a mio padre perdessi anche la spensieratezza. Non avevo bisogno di niente e di nessuno. Ero sicura di me, mi sentivo invincibile e più di tutto ero felice, in quel modo leggero che accade poche volte nell'arco di una vita. Non mi sono mai più sentita così libera, perché l'amore è bellissimo ma ti lega e in qualche modo priva della propria individualità, almeno in parte.
Ovviamente da quel momento gli incontri con lui si fecero frequenti, come i loro. Si incontravano in locali e discoteche dove lei si recava in mia compagnia. Il tempo passava e lei non si lasciava andare, ovvero non si concedeva perché sembrava che lui non fosse sufficientemente "facoltoso" per i suoi parametri e perché voleva l'amore, con la A maiuscola. Dall'altra parte lui non cercava una storia, non sfoderava alcun tipo di romanticismo, non manifestava alcuna dolcezza e non era disposto a scendere a compromessi. Io vivevo la mia vita, le mie storie, i miei amori fragili e facevo quello che lei avrebbe dovuto fare con me, l'amica.

Non so bene quando accadde, ma col passare del tempo i suoi occhi diventarono sempre più insistenti. I suoi di lui. Li sentivo addosso, sentivo la scossa che è continuata nel mio corpo per tanti anni a seguire. Ma come già detto, ero un'amica io.
Non so bene quando accadde, ma col passare del tempo iniziarono le parole tra di noi. Frasi urlate in locali improbabili, mangiate dalla musica e stravolte da qualche bicchiere di troppo.
Era intelligente, brillante. Diverso. Non chiedeva niente. Il suo corteggiamento era pacato e distante. Era odioso e dannatamente affascinante. Era uno di quelli che viene cercato dalle donne e non il contrario.
Poi una notte, un passo in avanti da parte sua. Inatteso e nonostante tutto sperato.
Io che ballo in mezzo a centinaia di persone, lui che mi fissa in maniera insistente. Non lo vedo io, è la mia amica a dirlo, quella di sempre, quella migliore, quella vera a tutt'oggi. Non l'altra.
Poi la sua presenza, la vicinanza dei volti obbligata dal caos e le sue parole:
- "Non riesco a toglierti gli occhi di dosso."
Non le ho mai dimenticate perché, esattamente come con i suoi occhi, mi sono rimaste incollate addosso e da quel momento lui diventò Lui.
Tutto è cominciato lì, in quella discoteca improvvisamente vuota e romantica. Il sentimento intendo, perché io invece ho continuato a negarmi a lungo per un rispetto che ad oggi attribuisco più a me stessa che alla mia pseudo amica. Lui che le parla, che le dice che è pazzo di me e che visto che lei non vuole altro che amicizia da parte sua, che mi parli e mi lasci libera di scegliere.
Io che alla fine cedo e concedo una bevuta. Poi un'altra e un'altra ancora.
Niente di più. Per svariati mesi.
La mia personale vendetta!!
Poi una forte litigata pochi giorni prima di capodanno. Lui che vuole di più, non solo fisicamente ed io che sono ancora troppo libera.
Poi il mio capodanno a Sharm El Sheick ed il mio babbo che mi lascia, per sempre.
Al mio ritorno sono un'altra persona. Si riavvicinano a me uomini un tempo importanti, sono io stessa a chiamarli, a chiedere il loro aiuto, lasciando indietro Lui.
Solo pochi giorni però e torno da Lui, lo scelgo tra tutti e anche se allora non lo sapevo, lo faccio per sempre o perlomeno per un tempo lungo fino ad oggi. 
Era l'8 gennaio. Lo ricordo bene perché in quello stesso giorno, quattro anni dopo, ci siamo sposati oltreoceano.
Lui si fa trovare. Inizia il periodo più passionale della nostra storia, pazzi l'uno per l'altra. Le serate folli. Le cene e i locali. I viaggi. Le notti d'amore interminabili. Tramonti e albe condivise.
Lui è stata la mia cura, la mia forza in un periodo che altrimenti mi avrebbe spezzata e lo ha fatto, solo che lui è riuscito a tenere insieme i pezzi al posto mio. Potenti e sicuri dei nostri sentimenti, abbiamo cominciato a scrivere il nostro futuro che a quel tempo sapeva solo di presente, il più eccitante che abbia mai provato. 


L'amore non ci è mai mancato e nemmeno il dramma. Pochi mesi dopo ci siamo lasciati e lui non mi ha voluto per tre mesi, allontanandosi da me, spezzandomi il cuore come nessuno aveva saputo fare fino ad allora, portandomi a fare cose che mai avrei creduto possibili. Riprendersi è difficile, soprattutto quando si infilano nel mezzo altre persone e la gelosia. Se la guardo oggi, da lontano, mi sembra di non conoscerla quella ragazza accecata dalla gelosia, possessiva e vendicativa di allora. Se qualcuno si stesse domandando se è possibile cambiare, la mia risposta è sì. È accaduto nel mio caso, grazie a lui che dopo quella volta non mi ha più dato motivo di dubitare e grazie alla me stessa che ha saputo acquistare sicurezza e maturità, nel tempo.
L'inizio di una storia d'amore è un capitolo meraviglioso della vita, ma nel nostro caso è quello che è venuto dopo a rappresentare la parte più bella, quella che preferisco.
La vita vissuta, i progetti. Ancora viaggi, una componente indispensabile nel nostro rapporto. Una casa tutta nostra, abitata per meno di due anni. Un viaggio dall'altra parte del mondo, a Las Vegas, per scambiarci le fedi e la promessa di amore eterno. Due attività in proprio. Poi d'improvviso, lo stravolgimento.
Un anno di viaggi avanti e indietro. Una nuova casa, una nuova occasione di lavoro e una nuova vita oltreoceano. Il Brasile che ci accoglie e diventa la nostra dimora.
Il mare, il caldo, l'estate perenne. Ancora progetti e la voglia impellente di creare una famiglia tutta nostra. I figli che non arrivano e quello che già sapete, ovvero la nostra avventura per diventare genitori. L'adozione prima, con l'arrivo di nostro figlio NE e due tentativi di PMA dopo, il primo con una perdita ed il secondo, che ancora stiamo vivendo. 


È solo una storia questa, come ce ne sono tante e la racconto nel giorno del nostro settimo anniversario di matrimonio. Il primo, quello a Las Vegas. Il secondo invece è avvenuto quattro anni dopo, in chiesa, nel mese di maggio. Con lo stesso marito.
Mi piacciono i ricordi e mi piace metterli nero su bianco, lo sapete.


"Undici anni fa abbiamo cominciato a progettare la nostra vita insieme. Niente è andato secondo i piani ed è questo che ha reso la nostra vita così singolare.
Felice settimo anniversario di matrimonio, marito." - ho scritto a Lui stamani, per le nostre nozze di rame.


"Ti ho preso che eri una matta.

'Ma io la rimetto in riga questa qui!' Dicevo.
Oggi posso dire che il tentativo è fallito, ed è così che ti voglio! 
Felice settimo anniversario di matrimonio, moglie."
[Lui mi ha risposto.]

ti potrebbero anche interessare

48 commenti

  1. Non so come mai ma non mi sono stupita che la vostra storia non sia stata una facile! Una bellissima storia che continua fino ad oggi è spero per sempre... Siete una bellissima famiglia! Buon anniversario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Gli inizi raccontano già tutto, a saperli, e volerli, guardare." - scriveva Simona Vinci in uno dei suoi libri che preferisco.
      Grazie mille, Claudia!!

      Elimina
    2. Bellissimo questo post..evviva l'amore!!! Nicole

      Elimina
  2. Buon anniversario! Quando racconto che non ritengo i primi tempi della mia storia con Lui i migliori tutti mi giudicano strana, mi fa piacere non essere l'unica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inizio ha certamente il suo fascino. Quel tipo di passione lì, ad esempio, non è che rimanga in eterno, non con la stessa intensità almeno. Ma l'evoluzione è qualcosa di incredibile, è nella crescita insieme che si trova la meraviglia!!
      Felice anche io di condividere con te questa opinione un po' bizzarra :)

      Elimina
  3. Le parole di tuo marito mi hanno commossa: "niente e' andato secondo i piani ed e' questo che ha reso la nostra vita cosi' singolare".
    Avete una storia bellissima.
    Auguri di ogni felicita'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, carissima. Le storie sono il frutto delle esperienze e tu questo lo sai bene!!
      Quelle parole però le ho scritte io a Lui ;)

      Elimina
    2. No, ma infatti. Sono io totalmente rinco... Scusa, e' che ero gia' emozionata dal leggere tutto il post e alla fine ero un po' confusa :D :D

      Elimina
  4. buon anniversario! Siete unici e meravigliosi, date fiducia nel futuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissima!! Crediamo molto nel futuro, è per quello che lavoriamo con tanta passione sul presente :)

      Elimina
  5. Siete meravigliosi! Buon anniversario. ❤️
    DileMazz

    RispondiElimina
  6. deh quanto siete belli!
    almeno quanto dal vivo :)
    auguri di un cammino insieme sempre più pieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, cara!!
      Ti scrivo appena ho un attimo di calma. Le cose importanti richiedono tranquillità :)
      Un abbraccio a voi

      Elimina
  7. Mi piace sempre tanto conoscere come nasce un amore!
    Buon anniversario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È sempre una bella parte della storia :)
      Grazie, Fede!!

      Elimina
  8. Tanti auguri per questo anniversario speciale e ancora tanti anni da vivere insieme e tanti viaggi da condividere...

    RispondiElimina
  9. ho fatto indigestione del tuo blog, scoprendo per caso una tua foto su IG.. che dire, se non un enorme in bocca al lupo.. certamente verrò a farvi visita spesso! mi hai fatto commuovere, sorridere e divertire man mano che leggevo i vari post un po' in ordine sparso, ammetto.. hai un bimbo meraviglioso! ... io ho 25 anni, sto per laurearmi e ovviamente non ho, per ora, la possibilità col mio ragazzo di prendere una nostra casa e iniziare a pensare ad una famiglia nostra.. ma entrambi lo vogliamo fortemente e non vediamo l'ora.. uno dei miei incubi peggiori è l'impossibilità di avere figli, da sempre! io che mi immagino col pancione sin da bambina.. che se potessi ne farei 10!!... ( non c'è nulla che me lo faccia temere realmente eh!è qualcosa di viscerale) .. ma la tua storia mi colpisce, rincuora e rende felice!! davvero! niente è impossibile ad una famiglia piena di amore.

    chiara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere ricevere le tue parole, Chiara. Mi stupisco piacevolmente quando a seguirmi sono ragazze con una storia diversa, ovvero che non hanno avuto problemi di infertilità o vissuto esperienze come l'adozione e la PMA. La tua paura è assolutamente normale, tante ragazze l'hanno avuta e per fortuna la maggior parte la cancellano presto. Perdona la retorica, che nasconde sempre un a parte di verità, ma davvero sei giovane e hai tutto il tempo per costruire la tua vita insieme al tuo compagno, per creare la famiglia che tanto desideri ed avere tutti i figli che vuoi. Dieci sono un po' tanti in effetti, però tutto può essere :D Ed in ogni caso la mia esperienza ti ricorderà sempre che i sogni si avverano nonostante le difficoltà!!
      Un abbraccio grande e grazie ancora per avermi scritto.

      Elimina
  10. Il giorno in cui naque Elvis Presley...un buon giorno per la nascita di un amore :-) buon anniversario cari...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa non la sapevo. E pensa che era anche uno dei temi possibili per il nostro matrimonio a Las Vegas, ovvero essere sposati da un pastore nei panni di Elvis :)
      Un abbraccio, cara.

      Elimina
  11. Che belli che siete, che bella la vostra storia. E che bello amarsi senza voler cambiare chi si ha di fronte. Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... che bella la tua ultima frase. Ci penso da quando l'ho letta.
      Un abbraccio a tutti voi.

      Elimina
  12. Buon anniversario!
    Benedetta

    RispondiElimina
  13. Te lo dico sempre, ma non posso farne a meno. Siete una coppia e una famiglia bellissima. Sei speciale.

    RispondiElimina
  14. Tantissimi auguri! Mi piace sentir raccontare le storie d'amore e ancora di più mi piace pensare al loro futuro soprattutto quando all'interno ci sono tutti i germi della vera felicità. Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Col senno di poi gli inizi delle storie d'amore acquistano un sapore diverso, più intenso.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  15. Siete bbbbbbbbbelli!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  16. È la tua - la vostra - capacità di bervi ogni momento fino all'ultima goccia, che sia inebriante o amara, perché sapete che sa di Vita, di quella Vita che ne abbiamo una sola, ed é così che va celebrata, rispettata e vissuta. É questo che mi fa tanto amare ciò che sei - che siete, e ciò che proprio lei, la Vita, vi sta restituendo. Vi abbraccio con tutto il mio cuore, Marito e Moglie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so nemmeno cosa scriverti in risposta, tanto sono belle e perfette le tue parole.
      Mi limiterò come sempre a ringraziarti, fingendo che possa bastare. L'ultima frase mi ha emozionato tantissimo.
      Ti abbraccio con tutto l'affetto che posso.

      Elimina
  17. semplicemente M I T I C I !
    ... cento, mille, millemila di questi anniversari!!!
    Elisabetta

    RispondiElimina
  18. Io e la mia panciona di 36 settimane ci siamo un pó commosse...e non è solo colpa degli ormoni sballati! Bella storia...davvero! Buon cammino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille di cuore.
      Una carezza a quel pancione bellissimo che i miei occhi stanno immaginando!! Manca poco... :)

      Elimina
  19. Felice anniversario! É proprio una storia bella la vostra.

    RispondiElimina
  20. Che spettacolo!
    Sono una fan delle storie d'amore altrui e questa è bellissima!
    Buon settimo anniversario!

    RispondiElimina
  21. Ti seguo da tanto Eva, mi hai fatto di nuovo commuovere!! Un grande abbraccio e auguri ♥️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tanto felice di saperlo. Grazie per dedicarmi il tuo tempo!!
      Un grande abbraccio, Libera.

      Elimina

Translate

I miei post via mail

Like us on Facebook