65

Diciottesima settimana [Il nostro fiocco è color...]

giovedì, gennaio 07, 2016

Ogni settimana raggiunta rappresenta un nuovo traguardo, uno scalino verso la meta tanto sognata. Ai nostri occhi è sempre sembrato un luogo impossibile da raggiungere questo, perché se non abbiamo mai avuto dubbi che avremmo costruito la nostra famiglia in un modo o nell'altro, allo stesso modo non siamo mai riusciti a convincerci di poterlo fare nel modo tradizionale. Ché poi tradizionale quando c'è di mezzo la medicina, e nello specifico un trattamento di fecondazione assistita, non credo sia il termine esatto. 
Le visite sono diventate mensili. Se i primi tempi abbiamo raggiunto numeri di ecografie folli, con una media di una a settimana, adesso i tempi sono più rilassati, esattamente come i nostri animi. Mentirei se dicessi che stamani non ho sentito un timore simile alla vecchia paura impadronirsi di me, nel percorso verso lo studio del mio ormai caro dottore nord europeo. La grande differenza è che questa volta non sapevo esattamente cosa temere, rendendomi conto di quanto le cose siano cambiate rispetto al primo trimestre. Tutto può ancora accadere, ma quando le cose vanno bene a lungo si tende a fare spazio al bello, accantonando il brutto. Il battito lo sento da casa e questo mi aiuta ad escludere la paura più grande, quella di una perdita e a breve penso che comincerò anche a sentire i primi calci, appuntamento che attendo con grande trepidazione. Non rinnego nulla di questo percorso, ma posso affermare con assoluta certezza che quel periodo non mi manca affatto e che è bello essere esattamente dove sono, ovvero a pochi giorni dal giro di boa. Metà gravidanza, quasi. Un periodo di tempo infinito quello che mi ha condotto fin qui, ma comunque passato. Del tempo ho cominciato ad apprezzare la sua inevitabilità nel trascorrere, qualcosa fuori dal nostro controllo e che sia lentamente o veloce, passa. Anche quando sembra impossibile.
Riesco ancora a vedere tracce di incredulità negli occhi di mio marito. Un uomo la vive in maniera diversa rispetto ad una donna e un uomo che ha vissuto sulla propria pelle l'infertilità ed ha accompagnato passo passo la propria donna in tutti i passi della PMA, certamente ancora di più. Mi piace ogni volta leggere la sorpresa negli occhi di mio marito, non mi stanco di vedere quell'espressione di bambino che nella quotidianità, soprattutto lavorativa, sembra scomparso e che invece torna ogni volta che ci sono di mezzo i nostri figli. Entrambi.

L'ecografia ci ha mostrato un bebè grande, grandissimo. 230 grammi di immensità, un bellissimo controsenso. Ci ha mostrato una crescita perfettamente in linea con le aspettative mediche, con una testina dalle dimensioni perfette, un femore che moltiplicato per sette ci svela una lunghezza di quasi diciotto centimetri tutti racchiusi in questa pancia che è ormai scoppiata. Non so come, eppure questa creatura è qui dentro, proprio qui, proprio adesso mentre scrivo queste parole. Vive in me, con me, nonostante tutto. Credo che in tutto questo costruire la nostra famiglia non smetterò mai di stupirmi, non smetterò mai di sorprendermi sulla precisione di questo destino non sempre gentile, ma che quando arriva puntuale ci riserva i regali più belli. Abbiamo sentito quel tu tum, tu tum ormai famigliare, come se fosse sempre esistito nelle nostre orecchie pur non essendosi mai rivelato prima. Il medico ci ha mostrato tutte le parti del suo ancora fragile corpicino, perfettamente formato. Diciotto settimane più tre giorni, datazione in linea con i tempi previsti ed io non sono abituata a tanta perfezione. Questa gravidanza sta perdendo l'alone di irrealtà che l'ha accompagnata fin dall'inizio, legata alla perenne sensazione di vivere una situazione temporanea. Non solo sta prendendo forma, ma da oggi ha addirittura un volto.   


Il mio. Mi somiglia, è il pensiero che abbiamo avuto immediatamente sia io che mio marito. Questa storia delle somiglianze non ha mai avuto grande rilevanza nella mia famiglia. Io ho cominciato a prendere le sembianze di mia madre solo da adulta e seppur ho ereditato molti dei tratti di mio padre, non posso dire di essere uguale a lui. Mia sorella gli somiglia certamente di più, diversa quindi da mia madre e di conseguenza da me. In parole povere non ci somigliamo granché. Più tardi è nata la mia nuova famiglia, quella scelta, costruita ed è arrivato il mio bambino bellissimo, così diverso da me e da mio marito benché in qualche modo uguale. È una storia interessante quella delle somiglianze che subentrano tra genitori e figli adottivi, qualcosa che va al di là del sangue e dell'aspetto. Eppure non mi ha sbalordito per niente cominciare a sentire dire da persone esterne qualcosa che io avevo da tempo notato, ma che non credevo potesse essere così palese. Mio figlio somiglia tanto a mio marito, in un modo che chi non li vive potrà credere sciocco, ma che invece chi ha l'occasione di vederli e un occhio sensibile, non fatica a riconoscere. È qualcosa di sorprendente, anche per chi come noi della diversità ne ha fatto la propria forza, per chi come noi non dà alcuna importanza al sangue, ma bensì all'organo che lo fa scorrere e che regola i sentimenti: il cuore.


Torno al punto e mi scuso se qualcuno ha trovato frivolo l'aver chiesto su Instagram una previsione sul sesso, ma ho pensato che non ci fosse niente di male a lasciarmi andare per una volta facendo qualcosa di leggero, cosa che fino ad oggi difficilmente mi sono permessa. Oggi finalmente il dottore ci ha tolto ogni dubbio sul sesso che fin dalle prime ecografie lui aveva ipotizzato, senza sbagliare.
Femmina.
Ovvero rosa, per tornare al colore del fiocco citato nel titolo.
Aspettiamo una bambina, quello che nei rari momenti di leggerezza sussurrata tra me e mio marito ci eravamo confidati di desiderare, più in relazione a nostro figlio NE che ad una vera e propria preferenza. Nella nostra testa infatti, perché nella realtà ad oggi non possiamo saperlo, ci ha sempre dato l'idea che una bambina e quindi un mondo in qualche modo diverso da quello maschile, avrebbe evitato una competizione che magari non ci sarebbe mai stata, ma che nel nostro immaginario esisteva. Non sono nemmeno certa che competizione sia il termine giusto, ma forse aiuta a rendere l'idea di quale fosse la nostra principale preoccupazione. Magari invece un maschietto avrebbe contribuito a creare una complicità che con la femmina sarà meno evidente, magari magari magari. Tutte congetture e nessuna certezza, a parte quella legata alla nostra felicità dopo questa ennesima visita dove tutto è andato meglio di ogni più rosea aspettativa.


Adesso nostra figlia ha un genere, un peso e più di tutto ha un volto. L'ho già detto, lo so. Ma come accade con le foto di NE che mi creano dipendenza e che non posso fare a meno di guardare e riguardare, così accade con questa nuova vita che sta già occupando la sua parte in questa casa. Lei c'è già, silenziosa e discreta comincia a prendere e pretendere il suo spazio, fuori e dentro me. Stiamo crescendo insieme, secondo il mio dottore nel mio caso anche un po' troppo, ovvero mi ha detto di andarci piano con i dolci visto che in un mese ho messo su tre chili. In realtà sono piuttosto contenta del mio aspetto rotondo, comincio ad amare le mie forme adesso che non sento più il bisogno di nasconderle, adesso che mi sento in diritto di poter rivelare qualcosa che prima temevo solo a pensare. Questa gravidanza non è capitata ed ha richiesto tanto lavoro, lo stesso che ho dovuto fare su me stessa. Anche questa esperienza, così come è accaduto con l'adozione quattro anni fa, mi sta cambiando e al suo termine per l'ennesima volta io non sarò più la stessa. Una nuova me, non migliore e nemmeno peggiore, ma senza dubbio più consapevole, più forte, più completa e più realizzata anche. C'è ancora tanta strada da fare però, nonostante adesso sembri ormai superata la salita più ripida. Finito il terrore iniziale, le nausee e gran parte dei medicinali cominciano altri pensieri, altri problemi, altri fastidi, ma anche altri tipi di sentimenti e tanta voglia di urlare al mondo una felicità che non cammina più su un filo teso tra il mondo reale e quello immaginario. 
Col mio dottore, tra le altre cose, abbiamo anche affrontato l'argomento parto. È stato bello sentirgli dire che non è troppo presto, che è già il momento di parlarne. Ho intenzione di scrivere un post a parte però a riguardo, considerati i forti dubbi che ho e le tendenze brasiliane decisamente poco in linea con quelle italiane. La bambina nascerà certamente qui, ma avrò con altrettanta certezza bisogno della vostra opinione in merito!!


Giorni pieni di meraviglia come questo sono qualcosa di inestimabile. Qualche volta temo di non reggere tutta questa felicità.


"E t'amot'amo, ed è continuo schianto!"
[Giorno per giorno - Giuseppe Ungaretti]

ti potrebbero anche interessare

65 commenti

  1. Evviva, e' un fiocco rosa quindi una sorellina per Noah Enzo! Sono felicissima per voi! E' una gioia partecipare da lontano alle vostre emozioni e alla storia della vostra bella famiglia. Grazie, Eva. Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per noi è meraviglioso l'entusiasmo e la gioia che ci arriva da lontano, così profonda e sincera!!
      Grazie di cuore a te, Michela.

      Elimina
  2. Evviva evviva....che bello questo fiocco rosa! Continuiamo su strade parallele noi due e mi ritrovo come sempre nelle tue parole....anche noi volevamo un fratellino per J e sognavamo una sorellina per noi...ma credo che non ci sia una soluzione giusta o sbagliata, del resto il sesso dei figli non si può mai scegliere né in natura né in adozione quindi possiamo solo aspettare e vedere che succede. I nostri figli sono 'nati' in modo particolare e saranno fratelli in modo non convenzionale quindi credo che sarà interessante vedere quali dinamiche si svilupperanno.
    Tu preparati però...le femminuccie sono delle vere pesti !
    Come sempre vi abbraccio forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Ale. Le nostre strade in qualche modo mantengono una linea parallela e soprattutto ci portano alla destinazione sognata [io ancora non ci sono arrivata in realtà, ma per una volta voglio essere positiva e credere che tutto andrà bene!!]
      Forse nel post non mi sono spiegata bene, ma la verità è che la femmina la sognavamo non solo per noi ma anche per NE e concordo perfettamente con te, non esiste una ricetta sicura per il successo. Nelle nostre vite non ci sarà niente di convenzionale, come tu stessa dici, ma insegneremo ai nostri figli ad apprezzare le differenze, che nel caso delle nostre famiglie rappresentano decisamente un punto di forza!!
      Mi ricorderò le tue parole sulle femmine :)
      Vi abbraccio con affetto infinito, immensamente felice per voi!!
      Ps. Discutibile o meno, in Brasile si può scegliere il sesso del figlio adottivo... oltre un'altra lunga serie di cose.

      Elimina
  3. Felicissima per te, anche se so bene che un maschio sarebbe andato bene uguale meh! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì. Ci permettiamo un po' di leggerezza proprio perché tratta qualcosa che in entrambe le eventualità avrebbe portato immensa felicità :)
      Grazie, cara.

      Elimina
  4. Che tenerezza mi fai quando dici di non sapere se reggerai la felicità. È una considerazione che fa capire quante tu ne abbia passate... Quindi ben venga l'entusiasmo, ben vengano le frivolezze. Ben venga l'esultanza per questa bimba che finalmente è reale e occupa uno spazio anche fisico. Non so perché, ma son proprio contenta che sia femmina. Forse perché è dall'inizio che me la sono immaginata così e mi faceva strano che tu ne parlassi al maschile.... E io col sesso dei bambini nelle pance non indovino mai! Ti abbraccio Eva, forte. Sono molto felice per voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché all'inizio ho immaginato fosse maschio e ne ero anche abbastanza convinta. Ad oggi sono tanto contenta che sia femmina, per tutti noi e la cosa più bella è poter cominciare ad immaginarla, a darle un volto, a darle un'identità. Fino ad ora era tutto instabile, astratto, spaventoso... adesso questi sentimenti ci sono, ma si sono alleggeriti lasciando spazio ad altri pensieri, ad altre forme.
      Grazie per esserci, grazie per le parole. Ti porto nel cuore!!

      Elimina
  5. Buongiorno in rosa ❤
    E come sono contenta di sentirti più tranquilla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lo sono, cara, finalmente riesco ad essere un po' più tranquilla ed è una sensazione bellissima non vivere costantemente nella paura <3

      Elimina
  6. Lo sapevo!!!! : )
    Uragani di felicita' per voi tutti.
    Valentina

    RispondiElimina
  7. Woow...!!!una piccola bimba.. Vedila così... Avrà un fratello maggiore che la proteggerà.. Sempre e cmq..!!sono molto felice x voi Eva.. Davvero..!! E hai ragione dopo questa nuova esperienza sarai ancora diversa..( capitato anche a me.. Dopo le 2 gravidanze)..ancora più donna..più mamma.. Più moglie... Più tutto..!!vi abbraccio debora (e Davide3 anni e Alex 4 mesi..!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io credo che sarà molto protettivo nei suoi confronti. Sono impaziente di vederli insieme!!
      Ogni esperienza cambia in una direzione o nell'altra, non so se sarò più tutte quelle belle cose, ma certamente acquisirò una consapevolezza e una forza che anni fa non potevo nemmeno sognare :)
      Un abbraccio grande a te, Debora e ai tuoi piccoli

      Elimina
  8. Felicissima per te, per voi!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Una bimba 🎀💓...il mio sogno allora, conosceva la realtà 😊! È un piacere sentirti molto più serena Eva! Ti abbraccio forte👏🏻

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, sei stata la prima in assoluto <3
      Finalmente lo sono ed è bello.
      Un abbraccio grandissimo a voi

      Elimina
  10. Evviva per la pupetta!!! E adesso si passa alla fase 3--> TOTO NOME!!! Visto che ci sei arrivata?! Puoi e hai il diritto di essere frivola!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo già alle prese con il nome, quasi certi del primo e in alto mare col secondo. Doppio nome anche per Lei!!
      Sì, un po' di leggerezza adesso possiamo anche concedercela :)

      Elimina
  11. Non riesco a commentare sono troppo commossa e felice per te!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Cara Eva, mentre ti leggo provo tanta felicità e commozione!!! Sono davvero contentissima per voi e ti ringrazio per avermi fatto tornare alla mente certi meravigliosi ricordi che sono ancora recenti (dato che la mia piccola ha tre anni!)ma comunque superati! Non ti angosciare per i kg presi, tu sei partita da un corpo molto magro ed è più che normale che il tuo fisico voglia affrontare al meglio e con energia questa fantastica esperienza! Io, per la mia prima gravidanza sono partita sotto peso, sono aumentata molto nei primi mesi per sostenere l'impegno del fisico e poco nell'ultimo mese perchè, essendo io piccolina di statura e di fianchi, non c'era più spazio!!!
    Che tipo di parto ti hanno proposto? Sono curiosa di sapere come si differenzia il Brasile dall'Italia...le mie bimbe erano tutte e tre quasi delle stesse dimensioni, 3 kili e 200 grammi la prima e le altre due 3 kili e 100, 3 kili 120...non enormi ma nella media per essere delle bimbe!Ho partorito naturalmente nel primo caso, con epidurale nel secondo e terzo ma con un dosaggio bassissimo perchè ormai i lavori erano avanti...
    Che bello Noah Enzo di fronte all'idea di una sorellina in arrivo, sono veramente convinta che sia l'arricchimento più grande che potrà ricevere...vi abbraccio tutti con lacrime di gioia negli occhi!!! :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lia cara, quante informazioni interessanti!!
      Per i chili cerco di non preoccuparmi molto, anche se questa storia dell'alimentazione non è tanto semplice da queste parti. Le attenzioni non sembrano mai abbastanza e se in più ci si mette la dieta, la cosa si complica ulteriormente. Ma ovviamente questi sono piccoli problemi di routine, nulla in confronto alle vecchie preoccupazioni ;)
      Per quanto riguarda il parto si tratta solamente di una preferenza che loro hanno, vuoi per sicurezza, praticità, per convenienza loro e che quindi ti prospettano, per non dire obbligano, indipendentemente da quello che dice il tuo corpo o da quello che vorresti tu. Appena possibile ne parlo, così potrò ricevere qualche ulteriore consiglio!!
      Un abbraccio a te e alle tue gioie <3

      Elimina
  13. Cara Eva, non ci conosciamo, ho trovato il tuo blog qualche mese fa mentre ero incinta e leggevo di gravidanza, non ricordo come sono arrivata a scorrere tra le tue righe e più andavo avanti e più speravo per te, che tutto andasse per il meglio e che riuscissi ad avere tutto quanto desideravi, oltre alla splendido bimbo del cui sorriso mi sono innamorata. Credo tu sia davvero una persona speciale,ti auguro il meglio, e continuerò a fare il tifo per Voi! Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Chiara, grazie per queste parole cariche di affetto per me e per la mia storia. Se ho avuto la forza di arrivare dove sono, oltre ad una grande dose di indispensabile fortuna, è grazie a chi come te mi segue e supporta costantemente.
      Grazie davvero dal profondo del mio cuore!!
      Un abbraccio enorme a te e al tuo bambino/a :)

      Elimina
  14. Sono troppo contenta, troppo troppo troppo! Io scommettevo sul maschio, e quando ho letto il tuo segreto svelato mi è partito un "ohh" di stupore e di gioia, e i miei occhi si sono fatti a cuore. Se ti somiglia non può che essere una bambina bellissima! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi siamo tanto felici e lo saremmo stati in entrambi i casi!! La parte bella di scoprire il sesso è il fatto di riuscire a dare un'identità a questa nuova vita <3
      Io però spero somigli al babbo :)
      Ti abbraccio.

      Elimina
  15. Oh che bello una piccola Eva. Se fosse stato maschio avrei esultato nello stesso modo.
    Per NE sarà sucuramente un affetto impagabile, un dono incredibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) Anche noi avremmo gioito allo stesso modo.
      Ad oggi però molto siamo felici che sia andata così, per tutti noi e concordo, un fratello è un bene inestimabile!!

      Elimina
  16. Una femmina, una grazia. Bello bello bello.
    Una personcina che il fratello maggiore coccolerà e proteggerà, e i fratelli maggiori con le sorelle femmine credo che assolvano molto egregiamente al loro compito.
    Sii felice (con un po' di frou frou che non guasta mai, viste le previsioni).
    manulea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti i fratelli maggiori sono molto protettivi e spero che anche NE svolga a tempo debito degnamente il suo compito!!
      Sono davvero tanto felice e mi sto adattando sempre di più all'idea di una parte di mondo rosa :)
      Un grande abbraccio

      Elimina
  17. Ogni volta ho così tante cose da scrivere che vado in confusione! Non ho il tuo stesso dono, ovvero quello di emozionare attraverso delle parole scritte a km e km di distanza. Però vorrei. Perché la felicità altrui può davvero essere contagiosa e la tua lo è Eva. Inoltre tutti i commenti di affetto e gioia che ricevi mi fanno ben sperare, forse il mondo ha ancora una speranza di essere migliore. Un abbraccio, lavy_p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra invece che tu abbia espresso perfettamente il tuo pensiero, senza tralasciare l'affetto nei miei confronti, ovvero la cosa che più mi rende felice.
      È vero, i commenti che ricevo sono qualcosa di unico e nonostante mi senta lusingata riguardo la tua opinione sul mio modo di scrivere, io ancora non ho trovato un modo degno per ringraziare tutti e far capire quanto grata io sia per tutto questo amore.
      Grazie di cuore. Ti abbraccio forte.

      Elimina
  18. Sono estremamente contenta che tutto stia procedendo per il meglio. Penso che sia arrivato il momento di togliere dalla tua descrizione "mamma senza avere la pancia", che ne pensi? Tantissimi auguri per la tua bimba!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ci ho pensato giusto qualche giorno fa?!! Credo che aspetterò la nascita della bambina, a quel punto la mia biografia andrà certamente rivista :)
      Grazie per il consiglio!!

      Elimina
  19. Cara Eva,non ci conosciamo ma nonostante ciò volevo farvi i più sinceri auguri per tutto quello che vi sta accadendo. Qualche mese fa ho " scovato" una foto nella sezione "cerca" di Instagram,a colpirmi è stato il sorriso contagioso,radioso di vostro figlio! Incuriosita dalla tua galleria sono approdata sul blog,ho cominciato a leggere i tuoi post, a seguire gli aggiornamenti del transfer prima,della gravidanza dopo....e devo dire che mi sono "affezionata" a voi! Ho letto molti post, e ciò che mi ha colpito maggiormente è l'amore che lega te e tuo marito,quell'amore che vi ha portato un dono meraviglioso, il vostro N.E.
    Ho letto qualche giorno fa il post relativo al primo incontro con quello che sarebbe diventato poi vostro figlio...avevo le lacrime agli occhi. Leggendo quelle parole ho capito che vi siete "scelti" fin dal primo incontro,vi siete trovati.
    La vostra storia mi ha emozionata in certi momenti,in altri mi ha ricordato quanta forza, costanza e determinazione ci voglia per rendere reali i nostri desideri e sogni. Vi auguro un 2016 colmo d'amore, e direi che con il meraviglioso N.E. e la bimba che giorno dopo giorno cresce dentro di te le premesse per un anno stupendo ci sono tutte.
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Silvia, le tue parole gentili mi fanno un gran piacere. Grazie per aver dedicato parte del tuo tempo alla mia storia, grazie per avermi accompagnata in quest'ultima grande avventura, la stessa che ancora stiamo vivendo e grazie per quello che hai scritto riguardo l'incontro con nostro figlio NE.
      Auguro anche a te un 2016 meraviglioso, ricco di desideri esauditi!!
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Ma veramente qualcuno ha avuto da ridire perché ci hai chiesto se era un bimbo oppure una bimba?!? Ma la gente non stà bene!!!

    Congratulazioni ragazzi, che bello, sarà una sorellina bellissima per il vostro bellissimo bimbo!!!! E le mini melissa sono qualcosa di stupendo ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è stata più una mia paura, quella di risultare troppo leggera. Sono sempre attenta all'uso delle parole degli altri, a maggior ragione quando si tratta delle mie ;)
      Grazie mille, carissima. Le mini Melissa sono strepitose, concordo <3

      Elimina
  22. Sono troooppo felice per te,per voi Eva!!!!
    Che gioia una bimba e.....davvero ti somiglia già!!!NE impazzirà e con lui il suo papà :)
    La cosa più bella è vederti sollevata e serena nelle foto!Avanti tutta Eva!!posso dirti che vi voglio bene???misembra di conoscerti da sempre.....
    #latraslocata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo puoi dirlo, ma mi rende anche felice leggerlo <3
      Allo stesso modo io sono affezionata a te, come una cara amica di cui non si può fare a meno!!
      Grazie, grazie, grazie!! Ti abbraccio.

      Elimina
  23. che bello, quanta felicità! :)

    RispondiElimina
  24. Sono felicissima per te.. E per voi... Una bimba completerà davvero bene la vostra famiglia!

    RispondiElimina
  25. Femmina!!!! Meraviglia nella meraviglia!!!!!

    RispondiElimina
  26. Marica mi ha tolto le parole di bocca: meraviglia nella meraviglia! Dopo tutto quello attraverso cui sei passata, l'arrivo di questa bambina mi sembra ancora più speciale per te e per la vostra famiglia tutta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente la lunga attesa rende sorprendente l'arrivo di ciò che si è tanto desiderato.
      Siamo tanto felici, costruire una famiglia oggi non ci appare così impossibile e la paura sta lasciando spazio alla meraviglia :)

      Elimina
  27. Tantissimi auguri! state costruendo giorno dopo giorno una famiglia bellissima <3
    A

    RispondiElimina
  28. ooooooooh e vai!!! La previsione di un prossimo compleanno di N.E. con la sorellina che cerca di accaparrarsi la torta si avvera <3
    ahhh le femmine ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero <3
      Ci avevi visto lungo tu, cara Lucia!!

      Elimina
  29. Bellissimo!!!!!
    Benedetta

    RispondiElimina
  30. Una bimba...tutto sta assumendo la forma della perfezione!
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto non ci sembra più così impossibile poter costruire una famiglia :)
      Un abbraccio a tutti voi

      Elimina
  31. Ohhh che meraviglia! sono davvero felice x voi!
    Il profumo delle mini Mellissa arriva forte anche di qua dall'oceano...
    Non vedo l'ora di vederle indosso alla piccola!
    Bacioni
    Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Elisabetta!!
      È davvero un profumo delizioso e lo sarà ancor di più mescolato con quello della sua pelle di neonata <3

      Elimina
  32. Quanta speranza infondono i tuoi post!
    Grazie Eva per quello che scrivi, per come condividi le tue esperienze ... Grazie!

    RispondiElimina

Translate

I miei post via mail

Like us on Facebook