48

BETA HCG #3 [...]

venerdì, ottobre 02, 2015

[Chiamatemi pure illusa, ma in qualche modo io ai sintomi ci credo. Sarà che essendoci già passata mi pare di aver imparato attraverso loro a conoscere il mio corpo e riconoscere piccoli cambiamenti che io percepisco come enormi. Li voglio scrivere non fosse altro che per ricordarli se domani le beta fossero positive (fa male solo a scriverlo!!), non fosse altro che per ricordare a me stessa di ignorarli se andasse male (fa ancora più male scriverlo!!). 
Alcuni di questi hanno l’innato dono di trasmettere positività al mio cervello che automaticamente li riconosce come positivi, a fronte di antiche e nuove letture non sempre affidabili. Il seno duro e dolente, ma soprattutto le venature ben visibili attraverso la pelle pallida che circonda l'aureola. Il sapore metallico in bocca, il senso di malessere allo stomaco seppur leggero. La fame a momenti, che quando sto bene è tanta e quando non mi sento bene invece si annulla. Il lieve dolore al basso ventre, piccole contrazioni che non sono tali ma che non saprei come chiamare differentemente e la sensazione del ciclo in arrivo, col tipico fastidio che si protrae fino alle gambe. La cervicale, il sonno agitato che possono essere dovuti allo stress, ma anche no. Il bisogno di andare spesso in bagno. La difficoltà nell'inserire gli ovuli e tante altre altre piccole e grandi, inutili eppure veritiere sensazioni, che in quanto tali non trovano fondamento o conferma. Il progesterone è certamente l'incriminato, il sospetto principale, ma possiamo davvero attribuire tutta la colpa a quel farmaco?!
Il punto è che dopo giorni di totale sconforto, giorni in cui non mi sono concessa di sperare e non per mancanza di volontà ma perché totalmente incapace di farlo, adesso mi sento. Mi sento e questa sensazione mi terrorizza, perché è un’illusione troppo bella e grande per avvicinarsi alla realtà. Non sono abituata ad immaginarmi tale, riesco a vedermi perfettamente in attesa e mai in dolce. L’ho sognato così a lungo quello stato fisico da essere chiaramente una fantasia irrealizzabile, come quelle cose che vorresti tanto ma che non possono proprio accadere a me. Mi piacerebbe, ad esempio, avere la voce di Beyoncé, il cervello di Leonardo Da Vinci o la fama di quell'altro Leonardo più giovane, sarebbe bello possedere le doti artistiche di Frida Kalho o la bellezza della Jolie quando non era troppo magra o anche i soldi di Bill Gates, eppure so perfettamente che non accadrà mai. Allo stesso modo non riesco ad accostare ed unire l’immagine di una pancia con dentro un bambino al mio corpo inadeguato, troppo magro anche quando lo specchio mi suggerisce il contrario.

Ci credo, lo sento o forse semplicemente lo voglio. 
Sono. Non posso scrivere di più.
Lo desidero ardentemente, dal profondo del mio cuore e della mia anima che non ho più perché l'ho messa tutta qui, in questo percorso ad ostacoli verso la vita. Ne abbiamo superati tanti, fin dall'inizio, senza contare quelli venuti prima e seppur stanchi e provati, abbiamo ancora forza sufficiente per arrivare in fondo. La volontà non basta, niente è sufficiente se il destino non ci viene incontro aiutandoci. Parlo al plurale, perché Lui è qui con me e con me spera. 
Ci crede, lo sente o forse semplicemente lo vuole. Esattamente come me, esattamente con me.]


Questo è quello che scrivevo il giorno prima del risultato delle prime Beta e che non avevo avuto il coraggio di pubblicare. È bastato un copia e incolla, perché non avevo avuto nemmeno il coraggio di cancellarlo. So che la positività attrae cose belle e che credere permette ai sogni di avverarsi, eppure talvolta mi sembra di sfidare il destino e la buona sorte mantenendo un'eccessiva sicurezza su cose che di certo non hanno assolutamente niente. Mi sono sentita presuntuosa nello scrivere queste parole, perché potevo avere torto marcio e lo sapevo bene, benché qualcosa mi suggerisse il contrario. Per lo stesso motivo non l'ho pubblicato quando ho ricevuto il risultato delle seconde Beta, perché non bastano mai i numeri per convincersi di essere incinta. Come una droga, sembra non essere mai sufficiente e più ne abbiamo, più ne sentiamo il bisogno. Più alta è la dose e maggiore è il desiderio che precede la volta seguente. Oggi mi sono finalmente decisa. Ho pensato che non c'è niente di male a descrivere una sensazione, non c'è niente di male a credere che tutto possa andare bene e mi sono resa soprattutto conto che non sarà il mio stato d'animo a cambiare il destino della nostra famiglia. Niente di quello che penso cambierà la nostra storia.


Stamani ho deciso di ripetere l'esame delle Beta. Ieri è stato un giorno difficile, uno di quelli in cui gli ormoni prendono il totale controllo di un cervello stanco, tirando fuori il lato peggiore di una persona. Sono i casi in cui viene fuori una donna impaurita, debole ed incapace di credere. Le incertezze mi guidano in un luogo oscuro della mia anima, dove non c'è alcuna luce o spiraglio. Divento intrattabile, divento cattiva e ferisco, perché io stessa mi sento un animale ferito. Mi compiango e mi allontano, chiudendomi in un mondo che non è abitabile a lungo in quanto privo di affetti, legami, amore e speranza. La notte se possibile è andata peggio, mi sono svegliata in preda al panico e mi sono disperata per un seno che d'improvviso aveva smesso di far male. Nella PMA anche il dolore è una conferma, qualche volta si cerca la sofferenza per compensarne una ben più grande.
Oggi è andata meglio, anche nel tempo dell'attesa. Ho impegnato le ore e ho lasciato che il sole mi illuminasse, non solo fuori. Ho ritrovato l'equilibrio che a sua volta ha trovato il suo baricentro perfetto quando mio marito mi ha telefonato. Mio marito, il pover'uomo che stanotte è stato sveglio con me, che mi ha preparato una camomilla e si è improvvisato dottore, psicologo e biologo nell'ora in cui ci si aspetterebbe di dormire. Mi ha assicurato che l'indomani sarebbe andato tutto bene senza mentire ed in preda ad una contagiosa pazzia - la mia - si è lanciato in una previsione sul numero delle Beta, un gesto inatteso da una mente precisa e calcolatrice come la sua. 
667, il numero delle Beta che a suo avviso ci avrebbero sorpreso il giorno seguente. Un bel numero che mi ha riportato nel mondo dei sogni, seppur agitati.
Poche ore fa il vero risultato:
La coincidenza ci ha fatto sorridere, ma la realtà ha fatto molto di più. Lui se lo sentiva, io non sentivo più nulla anestetizzata dalla preoccupazione. Adesso ho promesso a me stessa e ai miei cari di permettere a questi numeri, arrivati insieme agli ottimi risultati degli esami ormonali, di concedermi qualche giorno di pace e felicità. Almeno fino ai prossimi sintomi.
Lunedì mattina finalizzerò l'acquisto dell'immunoglobulina, che pagherò ma che almeno potrò applicare nella mia città. È confortante. In contemporanea potrò smettere di prendere il cortisone, scambiando una trasfusione al mese con due pillole al giorno. Per quanto riguarda le iniezioni di eparina ho scoperto poco fa che dovrò continuarle, se mai tutto andasse come si spera vada, fino all'ottavo mese. Sì, sono quelle punture che nel giro di un paio di settimane mi hanno ridotto la pancia verde. Mi consola solo l'idea di arrivarci a quel punto così lontano della gravidanza e in quel caso va bene anche la pancia bitorzoluta e colorata, perché come ho già ripetuto un milione di volte su questo blog, a noi i colori piacciono, soprattutto quando portano felicità!!


Ho l'impressione che questa storia dei cuori ci stia sfuggendo di mano...


"L'amore di una madre non si può descrivere né quantificare
Non si divide mai, si moltiplica."
[Quella vita che ci manca - Valentina D'Urbano]

ti potrebbero anche interessare

48 commenti

  1. Quanto amore... Amore con la A maiuscola, vero, puro, trasparente e colorato. È quello che ci attraversa e ci fa "sapere". Quando riusciamo a dare la parola all'anima senza farci opprimere dalle nuvole di una mente sfinita dal troppo angoscioso lavorare.
    Ascolta quella luce che ti attraversa, è tua e ne hai diritto e non sarà perché ti sei concessa di farlo che qualcosa potrà andare dritto o storto. Non è presunzione gioire! È ringraziare Dio o qualsiasi cosa in cui si creda o semplicemente ringraziare e benedire la vita fuori e dentro te. Tanta tanta vita in una camomilla notturna... In cuori rossi zuccherosi... In sorrisi innocenti e disarmanti... Nel tuo cuore timido alla speranza e nel tuo ventre che è divenuto culla. È tutto tuo, tutto vostro Eva...
    Un abbraccio,
    Ichnos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È bello vedermi attraverso le tue parole. Leggo e provo sensazioni di pace, di serenità e di speranza. Sembra che tutto abbia senso e che niente di brutto possa accadere.
      È vero, essere felice non determinerà il destino, ma renderà il viaggio piacevole. Qualunque sia la sua durata.
      Grazie ancora una volta. Sono felice di averti incontrata.

      Elimina
  2. Notizie sempre più belle! Forza e un ❤️ a voi! (Uno in più sarebbe quello perfetto)

    RispondiElimina
  3. ☺️☺️☺️felice per voi !!

    RispondiElimina
  4. Un altro bel buongiorno! Tanti ❤ per tutta la famiglia!

    RispondiElimina
  5. scusa che non commento il resto, ma... NE e' uno dei bambini piu' belli che io abbia mai visto in giro!!! e non intendo solo quelli che conosco dal vivo, intento proprio in assoluto :-)

    sara' un bravissimo fratellone tra l'altro, glie lo si legge in faccia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella cosa hai scritto, Marica. Sai anche che penso lo stesso di D... Sempre detto!!
      Penso anche che sarebbe perfetto bei panni del fratello maggiore :) Io sto facendo del mio meglio per realizzare questo sogno!!

      Elimina
  6. GIOIRE non è mai un errore anche se poi le cose vanno storte...c è stato un momento ke la pensavo come te perchè a un attimo di felicitá purtroppo non è seguito niente se nn dolore e rabbia. Dopo mesi in cui pensavo ke se mi fosse ricapitato nn avrei manifestato alcun sentimento (per non soffrire di più poi) un giorno ho capito ke quell attimo di felicitá c è stato e nn mi sembra giusto ne x me ne x mio marito (ne x lui...) rinnegarlo come se nn fosse mai accaduto. Adesso è un ricordo dolce amaro si...ma almeno ho avuto un assaggio di felicitá e aspetto il mese prossimo( forse??) di poter continuare a " ingozzarmi" !!!!!
    Perciò carissima Eva siate ingordi e strafogatevi di cuori!!!!!!!
    (ovvio ke stamattina sono al lavoro col sorriso sulle labbra grazie a te!!!!)
    Kiss kiss
    Kris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, ci si concede la felicità e quella viene drammaticamente interrotta. Chi ci passa non dimentica e non può ignorare che sia accaduto.
      Però non è nemmeno giusto privarsi della gioia di un momento speciale. Prima di sapere il risultato ho detto a mio marito che avrei preferito un negativo piuttosto che passare nuovamente attraverso una perdita. Oggi posso dire che questa vita che sento dentro vale più di ogni altra cosa e che sono felice di averla dentro, comunque vada. E speriamo vada... vada... vada.
      In bocca al lupo, cara. Sono con te <3

      Elimina
  7. Quando ti leggo rimango sempre senza parole e piena di lacrime di gioia!! Forza Eva cerca di goderti questi fantastici numeri.. Abbandona la paura che ti blocca e prova a guardarti allo specchio con occhi nuovi!! Il �� impietrito ha ricominciato a battere forte!! xxxVale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sto facendo. La serenità che accompagna questi giorni è già una bella sensazione e la felicità è qui, intorno e dentro me. La sento.
      Grazie per la forza!!

      Elimina
  8. Bravissima! In tutto e per tutto!
    Avanti!

    RispondiElimina
  9. Che bello! Bello tutto. Belli voi. Bello NE!

    RispondiElimina
  10. Scrivi così bene che leggerti è una gioia. Ancora di più lo è oggi! Felice per voi!!!

    RispondiElimina
  11. Tanti cuori!!!!
    Benedetta

    RispondiElimina
  12. come diceva Olaf...."solo cose belle!"
    avanti così! vento in poppa e sorriso stampato!
    Ti abbraccio!
    Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto un momento di titubanza su chi fosse Olaf... :D
      Sì sì, andiamo avanti!!
      Ti abbraccio, cara.

      Elimina
    2. Ah ah ah ah ah perché non hai (ancora) una figlia femmina quattrenne. Io potrei fare la controfigura di Anna, conosco tutte le battute e le canzoni!

      Elimina
  13. Tranquilla...sei incinta... non rimuginare troppo.
    Non fare troppe cose nè con il corpo nè con la testa...gioca, dipingi...riposa...(ma l eparina tutto il periodo è terribile...comunque si può fare anche sulle braccia)
    S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco di tenermi impegnata, senza eccessi. Il mio corpo però non perde occasione per riportare la mente su questo pensiero...
      L'eparina in effetti è un bel fastidio, non solo esteticamente. Sulle braccia non riesco a farle da sola però e sulle cosce un po' mi dispiace... Forse sono sciocca, non so. Comunque mi sto informando sulle alternative.
      Grazie.

      Elimina
  14. Che bello il tuo blog, saltellando dal blog di Alice non ho capito che immunoglobuline usi ma ti faccio tanti auguri, io che ho avuto un figlio .....facile ho poi capito quanto sia difficile farli sopravvivere qui un italia con un padre che lo odia, proprio prima pensavo come sarebbe bello trasferirsi lontano lontano....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela. Dovrò usare immunoglobulina umana intravenosa, che speriamo mi fornisca gli anticorpi adeguati per evitare un possibile ulteriore aborto.
      So bene che i problemi non sono solamente legati all'infertilità, la vita ne è piena. Sono certa che tuo figlio trovi in te il suo punto di riferimento. Sii forte per entrambi e un grande in bocca al lupo. Andare lontano non sempre è la soluzione, ma spero che voi possiate trovare quella migliore per essere felici!!

      Elimina
  15. che belle notizie arrivano da te e che sorrisi larghi di NE! sono felice per voi e con il tuo pancino novello ti chiedo (anzi chiedo a tutte voi) un pensiero anche per mia cognata che questa settimana tenterà anche lei di raggiungere questa felicità!
    Tutte insieme ce la facciamo :-)
    Un abbraccio grande da me che spesso ho fatto l'eparina e che se mai sceglierò di diventare mamma dovrò fare anche io, mesi di queste dolorose punturine (ma per altri motivi).
    Assunta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi contare sul mio pensiero positivo e forte verso tua cognata. Mi auguro che possa arrivare la vita e la felicità nella vostra vita, lo spero davvero con tutto il mio cuore.
      Allora sai perfettamente quanto sia fastidiosa ed antipatica l'eparina. Io mi sto informando per farla in punti differenti. Mi sembra di aver capito che gambe e braccia possano andare bene, aspetto solo conferma dalla clinica!!
      Un abbraccio a tutti voi

      Elimina
  16. Adoro il modo in cui ti racconti ^-^
    Forzaaa :)

    RispondiElimina
  17. Le foto di NÉ sono dolci e tranquillizzanti come una fetta di pane e marmellata casalinga alla domenica mattina. La tua anima é una mare in tempesta che quando si apre lascia vedere scorci di sconvolgente bellezza. Il tuo uomo é un dottore clown che cura ferite col naso rosso. Che dire? Siete la Vita più viva che si possa immaginare, e questo il Destino, ne sono certa, lo sente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia colazione preferita, mi sembra un paragone perfetto!!
      Sei sempre tanto cara, Elisa. Grazie per esserci anche stavolta, soprattutto considerando il momento che per te, da quanto ho capito, non è idilliaco. Spero niente di grave, spero che presto torni il sole nella tua anima splendente. Sento di averla conosciuta abbastanza per dire che è bellissima e luminosa.
      Un abbraccio

      Elimina
  18. Che numeri! Che emozione....i tuoi piccoli ti chiedono serenità.NE è stupendo!!! Un abbraccio mammachepazienza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io cerco di dargliela... Ci provo con tutta me stessa :)
      Un grande abbraccio carissima

      Elimina
  19. ....lacrime di vera GIOIA per voi Eva......brava ..... avanti tutta !!!!!
    ...."se un sogno ha così tanti ostacoli significa che è quello giusto!!!!" .....io me lo ripeto tutte le volte che decido di riprovarci e troverò il coraggio di farlo di nuovo.....siamo forti e ce la faremo ☺. Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella frase mi hai regalato. Dolce e amara allo stesso tempo, certamente vera.
      Spero che il coraggio di cui parli tu lo possa trovare presto dentro di te, perché so che da qualche parte c'è già e aspetta solo di essere tirato fuori!!
      Un abbraccio grande

      Elimina
  20. Cara Eva, un forte abbraccio a tutti voi!!! Continua così :-)))

    RispondiElimina
  21. Eva, visto che tu non lo scrivi lo scrivo io, tanto non conta......sei incinta!!!!!!! :) Le beta parlano chiaro!!!!!!!!Forza, siete fantastici!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh cara, che bello vederlo scritto. Tanto quanto i numeri :)

      Elimina
  22. Che meraviglia! Ti auguro che quei numerini continuino aumentare in maniera stellare! Il sorriso di N.E. è veramente contagioso ... Sarà un fratellone magnifico! :) elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo penso anche io e spero di riuscire a farlo diventare fratello maggiore presto :)

      Elimina

Translate

I miei post via mail

Like us on Facebook