112

A te [Ecografia #1]

martedì, ottobre 13, 2015

Mi sveglio di soprassalto, dopo una settimana di ferie scolastiche mi sono scordata di riattivare la sveglia. Dalla luce capisco che è mattina presto, di un giorno per niente qualunque. Scuoto lui per farglielo presente e pochi istanti dopo mi mostra il display del cellulare, che segna appena le sei. Accade spesso che io apra gli occhi pochi minuti prima che l'allarme suoni, potrei chiamarla abitudine ma in realtà non credo si tratti di questo. Dormo poco, mi bastano poche ore di riposo. Non mi piace dormire, è un sacrificio necessario per rimanere in forza e se potessi ne farei volentieri a meno. Come sono cambiata negli anni, penso. La tranquillità che mi ha accompagnato in questi giorni stamani vacilla. È normale, lo avevo messo in conto. Ti penso intensamente, mi chiedo se tu riesca a sentirlo e soprattutto se tu sia qui per sentirlo. Mentre mi vesto ascolto la stessa canzone che mi ha accompagnato per le strade di São Paulo, rallegrando un cielo grigio e scaldando la mia anima infreddolita. D'altronde se tu fossi davvero qui sarebbe qualcosa di incredibile e come dice il testo "I believe in miracles". Ci sto credendo ogni giorno, mi fido di te e un po' meno nel mio corpo, ma non ho altro luogo per accoglierti che questo ventre. Ho forza per andare avanti e cuore a sufficienza per darti tutto l'amore di cui hai bisogno, ma non sono certa possa bastare. Ci vuole anche tanta fortuna e quella non rientra tra i miei poteri. 
Abbiamo appena svegliato NE, insieme io e te. Senza fare storie, come di consueto, si alza e beve il suo latte. Poi va in bagno per - in quest'ordine esatto - fare pipì, lavarsi mani, faccia e denti. Infine ci vestiamo. Lo aiuta vostro padre perché ancora non riesce a fare tutto da solo e nel frattempo io preparo la sua merenda. Finalmente usciamo ed è davvero presto, si vede anche da questo che siamo agitati, dalla furia che difficilmente ci accompagna. D'altronde abitiamo nello stato di Bahia e se avremo tempo a sufficienza conoscerai la sua lentezza, oltre che la bellezza. Lasciato tuo fratello a scuola, proseguiamo verso il centro città. Il tempo che io vorrei accorciare sembra invece avanzarci. Facciamo colazione al bar, con calma e poi andiamo in clinica, dove inizia l'attesa che come previsto è più lunga di quanto sperato. Ti penso intensamente, non smetto di farlo. Per la prima volta da quando ho iniziato questo percorso di fecondazione assistita interpello tuo nonno Gino, ovunque sia. Non lo faccio mai, perché se mai dovesse esistere un al di là lui non è esattamente l'anima pura che un Dio si prenderebbe la briga di ascoltare. Eppure gli parlo, perché in qualche modo penso che lui sappia già quello che io potrò scoprire solo più tardi. Per ingannare un tempo troppo scaltro e crudele, rispondo ai commenti del blog dal cellulare. Leggere parole d'affetto mi infonde coraggio e serenità, sentimenti preziosi in questo momento. Leggo qualche pagina di libro, parlo con le mie amiche su WhatsApp. Impiego ancora il tempo che appare sospeso, immobile. Ogni tanto mi ricordo di respirare, non ti fa bene rimanere senza aria. Ci sono tante persone in questa sala d'attesa, per quello mi meraviglio quando sento chiamare il mio nome ed inaspettatamente comincio a tremare forte. Sono certa che tu lo senta, ma non riesco ad evitarlo e allo stesso modo trema la mia voce, quando comincio a raccontare la nostra storia alla Barbie-ginecologa mora. Lei guarda le mie beta, cinque pagine di numeri che sembrano avere il potere di esaltarla e in un attimo siamo nella sala che tanto mi spaventa, quella dell'ecografie. Come immaginavo questa volta non c'è molta luce, ma non è un luogo familiare e i muri non trattengono alcun tipo di ricordo. Nessun ricordo equivale a nessun dolore. Mi spoglio solo in parte e mi sdraio. Muta, mi ritrovo in un silenzio spaventoso. Riesco a percepire il cuore battere, ma non è il mio che in questo momento ho bisogno di sentire. Ci siamo, è l'unico pensiero che il mio cervello riesce a formulare. Ci siamo. Due parole, solo due come noi se tu ci sei. Io ci sono, anche se mi sembra di essere assente e vorrei fermarlo adesso questo dannato tempo che si è rimesso in moto tutto d'un tratto e sembra correre a tripla velocità. Adesso che non è possibile vorrei prolungare l'attesa, perché la paura è folle e talvolta l'illusione è migliore della realtà.

È un istante quello che passa prima di vedere la tua cameretta. È grande e spaziosa. All'interno un cerchietto bianco, lo riconosco, è quello che chiamano sacco vitellino. Penso che è un buon segno. Un giro panoramico del luogo che dovrebbe essere la tua casa e finalmente arrivi tu, che devi aver percepito la mia forte ansia da come ti agiti per farti vedere. Vorrei urlare che la mamma ti vede e che ti trova bellissimo. Sei tutta vita che scalpita e pulsa, come il tuo cuore. Ti vedo, bambino mio. Non posso sentirti, ma vedo perfettamente il tuo battito che è molto più rapido del mio. Sei bellissimo, te lo ripeto mentalmente almeno un milione di volte. Sei bellissimo, figlio mio. Embrione, perché la medicina non ti definisce nemmeno feto allo stadio in cui sei. Minuscolo e bellissimo. Non riesco a smettere di ripeterlo. A te. A me medesima. Ancora a te. Sei mio figlio, qualunque sia il nome che la scienza ha scelto per noi. Sei mio figlio, che tu arrivi tra le mie braccia o che tu rimanga cuore. Sei mio ed io sono tua. Completamente e pazzamente innamorata di te, spero tu lo senta. Di nuovo spero che possa bastare, consapevole che non è così. 
La Barbie comincia a parlare, rompendo il nostro meraviglioso silenzio. Il tempo sospeso in questo momento è prezioso, minuti che per quanto mi riguarda potrebbero rimanere congelati per l'eternità, esattamente così come sono. Secondo i suoi calcoli sono di sei settimane ed io che sono in uno stato di quiete apparente, dopo tanta tempesta, le faccio presente che invece, secondo i miei calcoli, sono appena entrata nella settima settimana. Nella mia testa - internet docet - la settima settimana inizia a 6+0, dove il primo numero indica la settimana ed il secondo il giorno. Mi precisa subito che essendo all'inizio della gravidanza, si considera un margine di errore di circa cinque giorni. Capisco solo più tardi di aver aperto bocca sempre troppo velocemente, infatti poco dopo sul referto trovo scritto come data sei più il giorno ed è quindi in linea con la mia previsione. Fosse per lei mi rivedrebbe per effettuare una nuova ecografia tra un bel po' di settimane, ma io le spiego le mie ansie e paure, le racconto brevemente del precedente aborto e drammatizzo ulteriormente spiegandole quante medicine io stia prendendo. Non ho capito se per pietà o per comprensione, ma mi dice di fissare la prossima ecografia in base alle mie esigenze. Per un istante vorrei domandarle se posso tornare domani, ma mi limito a fissare tra due settimane, salvo imprevisti. Troppo in là rischio di impazzire, troppo presto rischio di caricarmi di un'ansia che non meritiamo. Parlo al plurale. Adesso sono due, valgo doppio per quel che vale. E vale tanto in casa nostra. Mi sento preziosa in questa occasione, come uno scrigno che nasconde un tesoro. Sono un'ostrica che custodisce la sua perla. Sono un museo che ha appena esposto la sua opera prima, sono una roccaforte che protegge, una casa che accoglie. Sono la tua mamma.


Esco dallo studio in stato confusionale e telefono subito a tuo padre. Col senno di poi sarebbe potuto entrare con me, ma col senno di poi siamo tutti bravi. È col senno del prima che ci freghiamo. Mi aspetta fuori, in macchina, ma gli anticipo tutto al telefono. Credo che l'attesa sia stata sufficiente anche per lui. È felice. Se verrai al mondo avrai tutto il tempo per imparare a conoscerlo e so già che, esattamente come tuo fratello, lo amerai pazzamente preferendolo molte volte a me. È un babbo meraviglioso, sei fortunato. Ma adesso siamo noi a sentirci fortunati, benedetti dalla sorte che ci ha portato fin qui, che ci ha portato te. Non ce lo aspettavamo perché arriviamo a stento ad ogni traguardo, ma spesso arriviamo. È un pensiero che mi conforta, come i suoi occhi appena incrociano i miei. Salgo in macchina e ci abbracciamo. Un abbraccio numeroso, un abbraccio che sa di famiglia. 
Il pomeriggio sarebbe dovuto scorrere meravigliosamente, eppure non va così. La serenità iniziale viene intaccata da un numero, ancora una volta. Una misura che avevo tralasciato, offuscata dal "va tutto bene" della Barbie-sorriso Durban's e che riguarda la tua lunghezza vertice-sacro. Che tu sia minuscolo non ci sono dubbi, ma leggendo quel numero mi assale il dubbio che tu lo sia troppo. Colpa dell'esperienza, che mi ricorda l'inevitabile destino dei numeri sbagliati, dei numeri troppo bassi. Sei poco più di tre millimetri, così c'è scritto e i dati compatibili con la sesta settimana dicono altro. Internet docet, nuovamente. Dannato internet, anche. Mi allarmo, ma tu questo forse lo sai già. Non sono abituata a vivere in simbiosi, so crescere un figlio nel mondo reale, ma non ho idea di come si faccia a crescerlo dentro. Mando una mail alla clinica, la mia ancora in mezzo ad un oceano di dubbi e più tardi, impaziente, telefono. Il Dr. Destino è occupato e la cosa non mi meraviglia, mi sono sempre chiesta come riesca a fare tutto da solo, perché il grosso lo svolge davvero tutto lui. Forse è per questo che le sue telefonate arrivano in orari definiti inappropriati, ma che a lui non solo sono concessi, ma diventano anche adeguati. Così parlo con lei, la mia infermiera del cuore, che come speravo mi tranquillizza dicendomi che secondo la sua opinione non ci sono motivi per allarmarsi, che la prima ecografia serve per vedere la camera gestazionale, il sacco vitellino e la vitalità dell'embrione, elementi necessari che nel nostro caso ci sono e ci permettono di ben sperare. Mi fido di lei ed in questo giorno ho bisogno di credere, nonostante la preoccupazione. Non voglio rovinare la felicità in un giorno così bello, voglio goderla e farne tesoro per i giorni in cui sarà più difficile trovare un motivo altrettanto valido per gioire. 

Adesso sono stanca, è ormai sera. È stata una giornata lunga e ricca di emozioni, oltre che di vita. Mi aspetto una telefonata dal mio destino, il mio amato dottore, che però non sono certa arrivi. La aspetto comunque, perché so che le sue parole saranno dirette, sincere e che potranno aiutarmi a prendere una posizione che spero sia di riposo e non di combattimento. 
Avrei voluto dare notizie più velocemente, come promesso, ma desideravo avere qualche certezza in più prima di raccontare di noi. Questo plurale mi commuove, mi tocca nell'intimo. È ancora presto, è ancora prestissimo. Le insidie sono ancora tutte sulla nostra strada e noi proveremo a scansarle e superarle, per arrivare alla fine. Sarebbe meraviglioso se ci arrivassimo. Il condizionale che, come ha detto mia madre, probabilmente continueremo ad utilizzare anche quando tu sarai tra le nostre braccia, se avremo la fortuna di stringerti. Se, per l'appunto. Per adesso ci sei e sei forte. Non si può certo dire che gli embrioni che abbiamo concepito non siano combattivi. Piccoli guerrieri pronti a lottare per la loro vita ed io inerme, che cerco di difenderli senza certezza di poterlo fare. Sii forte abbastanza per restare con me, figlio mio ed io mi prenderò cura di te per il resto della mia vita. Continua a crescere e quel cuoricino allegro te lo riempiremo di cose belle. Noi, la tua famiglia. Io, tuo padre e tuo fratello NE.

Sei bellissimo, figlio mio. Sei bellissimo.


Postilla delle 22.20 in punto.
Squilla il telefono. 
Sconosciuto.
È lui. 
Un istante dopo me lo conferma la sua voce, il suo rassicurante "buona sera". Mi dice che va tutto bene, mi dice che è molto contento del risultato, mi dice di stare tranquilla e di ripetere tra un mese l'immunoglobulina. 
Lo aspettavo e lui non mi ha delusa. 
Adesso sono di nuova tranquilla, davvero tranquilla e così rimarrò fino alla prossima tappa.



"Che strano però, che la vita nasca da un cuore."

- Roberto. Il mio.

ti potrebbero anche interessare

112 commenti

  1. Non sono riuscita a commentare nei giorni precendenti, non so neppure io perche'. Ad ogni tuo post scorrevo fino in fondo per arrivare a scrivere qualcosa e poi rinunciavo, aspettando un'altra conferma, poi un'altra ancora....adesso basta pero' con questa scaramanzia che non ho mai avuto...ti mando un abbraccio fortissimo, anzi due, uno per te e uno per il tuo cuore aggiuntivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di sapere che c'eri, lo speravo.
      Grazie mille, cara. Un abbraccio a te.

      Elimina
  2. Vorrei riempirti la pagina di cuori e lacrime di felicità!! Come sempre mi emozioni e mi fai singhiozzare senza vergogna.. Parla pure al plurale: siete in due dolcissima Eva!!! Un abbraccio grande e lungo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli ormoni non ci mancano, siamo giustificate e possiamo versare lacrime in quantità!!
      Un abbraccio a tutti voi, bellissima famiglia!!

      Elimina
  3. Un pensiero fortissimo da qua, dall'altra parte del mondo, per voi quattro che viaggiate tenendovi per mano e siete davvero molto forti, oltre che bellissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un bellissimo pensiero, Cristina e arriva carico di energia!!
      Grazie di cuore.

      Elimina
  4. che bello!! Non so cos'altro dire: dopo aver letto l'emozione fatta parola, qualsiasi commento mi sembra che non sia all'altezza di tanta bellezza. Sorrido e gioisco per voi, tanto tanto. Giù, lettrice uscita allo scoperto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualunque parola va bene, l'affetto mi arriva limpido e il tuo sorriso lo immagino bellissimo.
      Grazie, Giù.

      Elimina
  5. Quanta dolcezza e quanto amore per questo bimbo che già c'è... Sei mamma bis adesso, e questo nessuno te lo toglierà! Un abbraccio a te e un bacino sulla pancia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se lo sente anche lui tutto questo amore. Voglio credere di sì!!
      Un abbraccio a te, cara.

      Elimina
  6. L'amore è essere al plurale. Inizia quando non si è più io e si diventa noi. Un noi lungo una vita. Noi famiglia, noi amici, noi innamorati, noi mamma e figlio... Ora hai un nuovo noi che cammina con te, in te. Sei un plurale Eva, non è un miracolo? Un minuscolo fortissimo essere umano che aspetta giorno dopo giorno che arrivi il momento giusto per vedere che visi ha l'amore che sente. Vorrei poter essere lì per abbracciarti e anche stare solo in silenzio, la gioia non ha bisogno di parole. Sono felice per voi tutti ❤️
    Dal nostro lontanissimo noi tutto l'affetto del mondo!
    Ichnos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui aspetta di vedere il volto dell'amore e noi qui facciamo lo stesso. Ci aspettiamo a vicenda e sarebbe bello arrivare fino al momento in cui questo incontro accade davvero. Alla luce, come la sua venuta.
      Mi piacerebbe molto farmi abbracciare, anche il silenzio. Non mi mette a disagio l'assenza di parole e qualche volta la preferisco. Credo si possa conoscere molto di una persona condividendo lo stesso spazio, senza bisogno di riempirlo di suoni.
      Un bacio tropicale fino a voi famiglia!!

      Elimina
  7. Bellissima questa immagine: sono un'ostrica che custodisce la sua perla!
    Sono super felice Eva! Che meraviglia❤️
    Avanti così...quel cuoricino che batte forte ha bisogno di sentire la sua mamma serena e positiva!
    Andrà bene, deve andare bene! 💝
    Vorrei essere lì per stringervi forte forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono nuovamente serena e ci credo davvero, in una maniera che definirei incosciente. Ormai è troppo vero perché io possa evitare di farmi male, quindi scelgo di godermi la felicità finché dura. E speriamo duri per sempre.... :)
      Grazie mille, amica. Vi penso spessissimo!!

      Elimina
  8. Un buongiorno zuppo di lacrime di felicità per voi! Un grande abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Quel battito si è sentito fin qui!!!la tua gioia la tocco!!sono troppo felice x te!Adoro il tuo parlare di te al plurale!!!Mi sento di dirti solo: goditi ogni giorno è uno stato che desideri da tempo e ora non è giusto non viverlo con la felicitá che merita!ansie e paure saranno ancora tue compagne, lo immagino...ma lasciati cullare dal suono di quel battito e metti il resto da parte. Lui c'è!♡♡♡
    #la traslocata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo faccio, davvero. Ieri è stato un giorno di meraviglia e ansia, ma oggi sono nuovamente calma, serena. Ci credo e a volte mi sento veramente incosciente, ma non posso evitarlo. Questo figlio lo sento e voglio pensare che rimarrà con me.
      Grazie di cuore per il pensiero!!

      Elimina
  10. ho passato tutto questo come te. e piango di felicita' come quel giorno di 6 anni fa.
    ti abbraccio con tutto il mio cuore
    Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo così tante a condividere questo percorso. Spero di poterlo ricordare col sorriso tra qualche anno.
      Grazie mille, Valentina.

      Elimina
  11. Bravo Gamberetto! Nuota! Nuota! Evviva!!!!

    Certo che però ti ha fatto prendere un bello spavento con questa misurazione...ma è talmente all'inizio e difficile da misurare che su 3-4 mm spostarsi di un soffio, di mezzo millimetro è un attimo!
    Per Giulia avevo fatto il tri test. Avevano misurato male la plica nucale e, incrociando con la mia età- 35 anni ai tempi - era venuta fuori una percentuale di rischio down abbastanza alta, anche se al pelo nei limiti. Ho vissuto due mesi di inferno, fino alla morfologica. Per poi scoprire che era tutto ok. Avevano misurato male, ed ero già alla 13ma settimana. Figurati ora! Ci vuole un cecchino non una ginecologa!
    Stai tranquilla, le beta crescono e lui si muove, tutto è al suo posto. Va tutto bene. Incredibilmente bene! Sei innegabilmente, dolcemente, splendidamente incinta.
    Te l'ho detto: in un batter d'occhio faremo il toto sesso, poi il toto nomi e in un attimo vedrai sfrecciare NE e il fratellino/sorellina in bici pregando che non s'arrocchino per l'ennesima volta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci credo. Un errore imperdonabile e che spavento!! Ho pensato anche io che non deve essere facile prendere le misure, oltretutto il piccoletto non stava fermo un attimo. Lo ha scritto anche la ginecologa sul referto, "battito cardiaco e movimenti visualizzati durante l'esame". Quel "movimenti" mi ha fatto sorridere in modo particolare, è minuscolo e già così pieno di vita. Oggi ho pensato a questa cosa tutto il giorno, a lui che nuota qui dentro :)
      Speriamo il tempo corra, io nel frattempo cerco di godermelo a pieno.
      Con la storia del cecchino mi hai fatto morire dal ridere!!

      Elimina
  12. Evviva! Altre due settimane col fiato sospeso, e poi vedrai come si sarà trasformato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché, ma nell'attesa l'aria non mi manca. È quando si avvicinano i controlli che tutte le mie sicurezze crollano. Ma è normale, giusto?!!
      Non vedo l'ora di vederla quella trasformazione :)

      Elimina
    2. Le sicurezze pre controllo crollano a tutte don't worry!
      Io i dieci minuti nella sala di attesa prima della visita io li ho sempre vissuti coi sudori freddi e l'ansia addosso, nonostante sia una persona superpositiva.
      La preoccupazione fa evidentemente parte del pacchetto essere mamma eh eh....

      Elimina
    3. E continuano anche dopo la nascita...
      Roba tosta essere mamma!!

      Elimina
  13. Quanta emozione e quanto amore!!! Ti abbraccio con tutto il calore di cui sono capace...e piango di gioia!!! :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei capace di trasmetterne tantissimo di calore.
      Grazie, cara Lia!!

      Elimina
  14. Eva sto piangendo come una cretina in ufficio!!!!!!!!!!!!Sono stra-felice per voi.....................e tuo marito davvero non ci sono parole sei ultra fortunata.............................ti meriti la serenità la spensieratezza.................ve la auguro con tutto il cuore!!!!!!!!!!f.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel messaggio, grazie. Sei tu a commuovere me.
      Un abbraccio enorme.

      Elimina
  15. Attendevo con ansia questo post!!!! Ed ero sicura che avresti scritto queste cose meravigliose!!!! Bisogna essere positivi! Aggrapparsi ai segnali che ti dimostrano questa positività!!! e qui ora ce ne sono tanti!!!! Ti abbraccio forte! Sono felice x te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono completamente d'accordo. Ho anche pensato che ormai è tutto troppo vero per evitare di farsi male, quindi tanto vale godersi la felicità che al momento è qui ed è enorme :)
      Grazie mille di cuore!!

      Elimina
  16. Sono una lettrice silenziosa, conosco un po' il tuo percorso perché mia sorella ha avuto la sua bimba con la PMA. Ho dovuto dirle di essere incinta per la seconda volta per di più di due gemelli dopo il suo primo fallimento ma fortunatamente a distanza di cinque mesi è rimasta incinta anche lei. Leggendoti mi sembrava di essere li con te tanto sei riuscita a trasmettere le tue emozioni e il tuo parlare con LUI/LEI è già meraviglioso. In bocca al lupo a tutti e quattro. Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'infertilità è una sofferenza enorme per chi la vive e in qualche modo tocca anche la famiglia che sta intorno, anche se indirettamente. Lo vedo negli occhi di mia madre e non solo. Sono davvero felice di sapere che tua sorella ha poi raggiunto il suo sogno, grazie per avermi raccontato la vostra storia!!
      Un abbraccio affettuoso a tutti voi

      Elimina
  17. Tesoro lacrimoni di gioia per voi pure qui dalla Padania.. è un piacere leggere la tua dolcezza mentre parli al tuo secondo figlio.. lo sa che vita pazzesca lo aspetta, è per questo che ce la sta mettendo tutta!! Bello di zia!!! Ti mando un abbraccio fortissimo, sono sempre con te.. Per Roberto: pazzesco vero? i vostri due cuori che ne creano un altro piccolino ;-) E poi vabbè, il babbo è sempre il babbo, è sempre il più divertente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quando penso al concepimento penso a tutto meno che a due cuori però... :D
      La PMA cambia tutti i punti di vista. Mi rende profondamente romantica e allo stesso modo, incredibilmente cinica. È incredibile pensare che da quei tre millimetri tutto cuore possa nascere un bambino, è incredibile pensare ad un sacco di cose.
      Il babbo vince a mani bassi, sempre!!

      Elimina
  18. Ma buongiorno! BUON giorno proprio! Stavolta la lacrimuccia è scappata anche a me. Sentirti parlare giustamente al plurale mi ha commosso profondamente e mi ha riempita di gioia. È bello sapervi stretti in quel l'abbraccio numeroso. Avanti così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena letto di te, che brava che sei. Davvero!!
      Anche a te dico avanti così e spero con tutto il cuore che tra qualche giorno sia tu a commuovere me.

      Elimina
  19. Evaaaa,che gioia,ma tanta sai...vi mando un abbraccio enorme ,spero vi arrivi...Eleonora(Torino)

    RispondiElimina
  20. Ho le farfalle nello stomaco.... Che felicità!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho usato proprio il termine "sfarfallio", per raccontare a Roberto il modo in cui si muoveva il piccolo :)

      Elimina
  21. Evviva!!!
    Capisco il senso di inadeguatezza verso il nostro corpo che ha quest'enorme potere perché lo avevo anch'io purtroppo, a me ha aiutato tanto pensare che i bambini che custodiamo sono forti, molto più forti di quanto immaginiamo già dall'inizio e ce lo dimostrano ogni volta, lo vedrai! Vi abbraccio forte!
    Nunalue

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un bel pensiero ed è effettivamente confortante. Anche io lo immagino forte questo piccolino qui e voglio credere che sia proprio così!!
      Un abbraccio grande

      Elimina
  22. Evviva, evvai!!
    Che groppo in gola, che emozione, che bel racconto di mamma e di famiglia che ci hai regalato... ora il compito del piccolo cuoricino è tenersi forte alla mano della sua mamma, e presentarsi in favore di ecografo tra due settimane.
    Grazie per aver condiviso con noi le tue belle parole, e ora andate... un giorno alla volta, un passo alla volta, pensando che ad ogni passo tuo lui lì dentro viene amorevolmente cullato.
    Un abbraccio.
    manulea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, glielo dico anche io di tenersi forte e di rimanere con la sua mamma. Spero di trovarlo cresciuto e altrettanto "allegro" al nostro prossimo appuntamento d'amore.
      Che bella la sensazione di cullarlo ad ogni passo. Bellissima!!
      Un abbraccio grande

      Elimina
  23. Con le lacrime agli occhi e tanta felicità ti mando un abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
  24. Lo sapevo!!! Concediti un po' di serenità' e gioia... xxxVale <3 <3 Da ieri 2 speranze dentro di me ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh cara, aspettavo notizie. Che bello!!
      Adesso prenditi cura di loro e di te. Coccolatevi.
      Ti penso.

      Elimina
  25. Mi hai fatto commuovere cara Eva, sono contenta come lo sarei per un'amica che conosco da tanto. É che trasmetti amore da ogni parola, e non si può non affezionarsi a te, a voi. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei davvero carina, Virgi. Che belle parole!!
      Allo stesso modo io mi affeziono a te, a voi.
      Un bacio a te

      Elimina
  26. Che bello quel plurale! siete una bellissima famiglia! domani transfer per me....iniziano i giorni più lunghi..... Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow!! A quest'ora è tutto fatto :)
      Coccolati e prenditi cura dei tuoi piccolini. Aspetto notizie :)
      Un abbraccio pieno d'affetto, Francesca.

      Elimina
  27. Ho pianto troppo. Ti sento molto vicina. E comprendo fin nella carne ogni singola parola che scrivi. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che la storia preveda un lieto fine per entrambe!
      Un abbraccio grande

      Elimina
    2. Sento che il 2016 sara' un anno meraviglioso per entrambe :)

      Elimina
  28. Commossa in un modo che non so spiegare e tanto, tanto, felice per voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo affetto mi arriva costantemente e mi rende felice!!
      Grazie, cara.

      Elimina
  29. Riesco a leggerlo ben bene solo adesso il post..stamattina l'ho ficcato sotto il naso della mia stagista e le ho detto: guarda, capisci in silenzio e riferisci: ehhh, la signora sembra incinta...!?!. E allora mi son calmata e ho accantonato l'ansia. Ok, mettiamoci che a me la menopausa precoce m'ha reso ansiosa e che capisco fischi per fiaschi quando sono ansiosa...ma CRIBBIO...avevi detto che davi notizie (buone ovvio) subito. E allora ieri l'ho passato a controllare il cell e a fare i conti del fuso e a dire, vabbe' c'era gente dalla ginecologa..sarà a festeggiare con il marito... Sono arrivata alla sera sfinita e mi sono addormentata! Perciò stasera mentre ti leggevo ho pensato a tuo marito, alla sua attesa...ai suoi minuti lontano da te...da voi. Digli che ha la mia comprensione :-). Cavolate a parte sono felice Eva, di una felicità sincera e profonda. Ti meriti tutto questo, ti meriti di essere madre dinuovo e i tuoi figli meritano te. Adesso basta che sennò piango. Ti bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "La signora sembra incinta"... Haha!!
      Merito di essere sgridata, ma come ho scritto nel post ho davvero passato il pomeriggio in apnea e avevo bisogno di qualche conferma prima di poter scrivere. Diversamente non sarei riuscita a scrivere queste parole!!
      Non è pesato a mio marito non esserci, altrimenti non gli avrei mai negato questa felicità. Abbiamo deciso insieme. Ho pensato che, se tutto andrà bene, avrà tante ecografie emozionanti e piene di felicità a cui assistere!!
      Non ti farò più stare in pena... Spero... :D
      Un abbraccio colmo di affetto

      Elimina
  30. Eva sono così felice! Commossa e felice per voi...sento ogni tua parola dentro, mi riporta indietro nel tempo ed è meraviglioso emozionarmi così con te e per te. Per tutti noi. Adesso anche tu hai 2 cuori. Si non temere, pensa che Minuscolo a 6+2 era di soli 2 mm e quando è nato era un vitellino di 4.4 kg XD Recuperano dopo!!
    Ti abbraccio e contino a sperare solo il meglio per voi *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Nina cara. Grazie per avermi dato questi dati, mi infondono tanto coraggio e fiducia. Talvolta i numeri fanno davvero paura e solo col senno di poi si riesce a guardarli senza tremare.
      È così bello avere due cuori, è così bello tutto. La realtà è migliore di qualunque sogno <3
      Un abbraccio enorme a voi e grazie ancora per avermi regalato serenità!!

      Elimina
  31. Cara Eva, è la prima volta che scrivo, ma ti seguo da circa un anno e mezzo, quando anche io, dopo due aborti, vagavo nel limbo dell'infertilità. Finalmente un anno fa anche io, come te ora, iniziavo il mio percorso in salita, tappa dopo tappa (e un'eco a settimana!), silenziosamente felice per ogni progresso, fino ad abbracciare il mio cucciolo. Dopo aver partorito, cucciolo permettendo, venivo a farti visita sul blog, sperando di trovare una bella notizia, e finalmente stasera ho scorso i tuoi ultimi post, uno alla volta, fino a giungere all'eco di ieri. Sono felice! Ti auguro con tutto il mio cuore di realizzare questo grande sogno, incrocio le dita per ogni tappa che raggiungerai. Con affetto, Emmekappa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La PMA è così. Dolore e gioia. Grazie per avermi regalato la tua storia, non è stato per niente facile nemmeno per te. Ma sono felice di leggere un lieto fine, lo stesso che auguro a me.
      Sei davvero cara a seguirmi con tanto affetto, con un bimbo piccolo non è nemmeno facile trovare il tempo :) Sono felice che oggi tu ti sia finalmente palesata.
      Grazie davvero e un abbraccio altrettanto affettuoso.

      Elimina
  32. Ciao Eva Due Cuori! :)))))

    Ti abbraccio forte, le parole non so trovarle e non sarebbero adeguate.

    RispondiElimina
  33. Evviva! Wow quanto sostegno che stai raccogliento, tutta la rete e' felice per te!
    Non ho letto tutit i commenti, e magari qualcuno te l'avra' gia' detto, ma volevo solo dirti (e lo saprai gia') che quanto si parla di millimetri le misure sono approssimative, e quindi non c'e' motivo di preoccuparsi per un mm in piu' o in meno: ora c'e' tutto quello che deve esserci e quindi...gioiamo!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene a scrivermelo delle misure. Me lo sono anche riletto un paio di volte, giusto per tenerlo a mente :)
      La testa quando è preoccupata va un po' dove vuole, anche contro un cuore che invece sarebbe pronto a gioire per tutto il bello che c'è!!
      I tuoi commenti hanno su di me un effetto calmante, grazie mille cara.

      Elimina
  34. Mi viene da piangere! !!! Quante emozioni meravigliose! !! È forte. Fortissimo! !!!!!!

    RispondiElimina
  35. Mi ha allargato il cuore e fatto fiorire un sorriso leggerti oggi, ed è molto
    avanti così, un giorno dopo l'altro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice ancora di più, allora.
      Sì, avanti tutta...

      Elimina
  36. Io leggo silenziosamente, non commento mai, mi sembrava di essere inopportuna in quanto estranea. Ma oggi mi sono ritrovata con le lacrime di gioia agli occhi per questa foto su instagram e sono corsa a leggere. Un abbraccio stretto ed una carezza lieve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Estraneo in queste occasioni è solo chi non è interessato. Io dico sempre che non importa conoscersi per provare emozioni verso una persona o una certa situazione.
      Grazie per aver deciso di scrivermi, grazie per esserci Deb.

      Elimina
  37. Evviva!!! Super evviva!!! Un bacio a te e un bacino al cuoricino!!! Sono davvero contenta!!! Ti abbraccio. Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie da entrambi i nostri cuori, Elisabetta!!

      Elimina
  38. Belle notizie! I miei figli sono ormai grandi, ma quelle emozioni lì, degli inizi, non si dimenticano più.
    Ti mando pensieri affettuosi e pieni di ottimismo.
    Gibi

    RispondiElimina
  39. MA CHE MERAVIGLIA!! Sono super felice per voi!! Una bella notizia che mi riempie il cuore di gioia pura! Bello bello bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Sabina. È davvero felicità pura questa...

      Elimina
  40. Cara Eva, sono davvero felice per te, per voi tutti. Che la musica continui, piu' rock e maestosa che mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Vale. Aspetto di sentirla sempre più alta e ritmata...
      Un abbraccio enorme a te, che stai affrontando giorni difficili. Sei davvero una donna forte!!

      Elimina
  41. Eva eva, quanto ti penso!
    Domenica scorsa ero con una mia mica a cui "ti ho presentata" e ora ti segue con affetto, mi ha guardato con gli occhi a cuore e detto, "hai visto il frutto della passione"!?!? Abbiamo parlato di te, come di un'amica vera per cui facciamo un tifo pazzesco!

    Un bacione bellissima famiglia del mio cuor!

    La Ceci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che cosa deliziosa è questa. Mi commuovi Ceci, è davvero un piacere sapere di essere stata con voi durante quella domenica e di ricevere così tanto affetto.
      Avrei voluto esserci davvero però :)
      Un abbraccio a voi famiglia stupenda e alla tua cara amica, con sincero affetto.

      Elimina
  42. È bello leggerti al plurale.
    Sono felice

    RispondiElimina
  43. Aspettavo di leggere un post così..immensa gioia per voi da una lettrice, solitamente, silenziosa..!!! ManuWanderlust

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per avermi scritto!!
      Il tuo nome la dice lunga sulla tua passione, che ovviamente condivido :)

      Elimina
  44. Ti ho nominata per il post sul "tag dei desideri" sul mio blog! Se ti va ovviamente!
    Un passatempo :-)

    http://giorgialandblog.blogspot.it/

    RispondiElimina
  45. 4 siete quattro valorosi eroi, ho messo una ciotola con acqua fiori e immagini sacre davanti alla finestra io in gravidanza ho fatto tante cose a maglia uncinetto e tanti disegni aiuta a rilassarsi, ti seguirò spessissimo per qualsiasi cosa ci sono un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela, per avermi inclusa nelle tue preghiere. Anche io cerco di impegnare le giornate facendo cose mi rendono felice e la maggior parte delle volte funziona :)
      Un grande abbraccio. Sono felice che tu ci sia!!

      Elimina
  46. Possibile che ogni volta piango, mi emoziono, mi preoccupo, tiro un sospiro, e poi piango di nuovo?
    Sono felice per te, per voi, per la tua famiglia meravigliosa (tu sei meravigliosa, davvero). Spero che vada tutto bene, te lo auguro col cuore, sono qui col pensiero e gli striscioni a fare il tifo per te.
    Un commento sconclusionato che vale come un abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per niente sconclusionato il tuo commento, anzi. Sono parole piene d'affetto e mi riempiono il cuore. Sei meravigliosa anche tu, davvero.
      Grazie e ancora grazie.

      Elimina
  47. che gioia leggere questo post...gioisco con voi e mi incrocio per quel cuoricino che si è aggiunto a te!!!!

    RispondiElimina
  48. Ciao Eva! Ti seguo da qualche tempo, silenziosamente.
    I tuoi racconti di vita riescono ad esprimere quello che ho vissuto da "aspirante mamma di lungo corso" con parole che io stessa non avrei potuto trovare.
    Grazie.

    Mi sono sentita compresa, accolta e l'insensatezza delle tappe dolorose del mio percorso hanno acquisito significato. Un significato positivo: andiamo avanti, insieme, che ce la faremo.

    Ti abbraccio e gioisco con te.

    Nella mia attesa del positivo [tra qualche giorno l'esame beta hcg] guardo te e mi dico...Che bello! La vita è meravigliosa, noi siamo meravigliose! Spero presto di essere dove sei ora tu! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Carmen, sono felice che tu abbia deciso di scrivermi e soprattutto che tu lo abbia fatto adesso, in questo momento così importante nella tua vita. Le sensazioni di cui parli sono le stesse che provo io quando ricevo messaggi come questo tuo, la consapevolezza di non essere sola è quanto di più confortante esista in questo percorso difficile.
      Attendo tue notizie e spero, con tutta la forza che ho.
      Ti abbraccio con affetto.

      Elimina
  49. Ehi tu, piccoletto! Che un giorno farai dei numeri il tuo mestiere, non c'è dubbio! Ti piace così tanto giocarci, eh? 4 cellule che sono 8, 6 settimane che sono 7, una manciata di mm che chissà quanti saranno invece... E allora mi ti immagino quando sarai un matematico geniale, o un mago della finanza, o un clown che li fa volare tutti per aria.. Ma qualunque cosa farai, la tua famiglia ti amerà follemente, e ti sosterrà, e proteggerà, e accompagnerà.. anzi sai cosa? Lo sta già facendo! E allora forza piccoletto, mangia per bene tutto quello che ti passa la mamma (su questo non potrai ribellarti più di tanto per un bel po' di tempo ahimè.. ma tranquillo che prima poi il fratellone o la zia o la nonna ti faranno assaggiare di nascosto le patatine fritte e l'ovetto kinder, e allora vedrai che sballo!), e poi riposa, fatti cullare dal tuo dolcissimo nido, e cresci cresci cresci che siamo tutti qua ad aspettarti! Ti bacio forte da un Paese che un giorno amerai tanto anche tu (e dove si mangia bene, tranquillo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto questo messaggio stamani, in un momento di panico e mi ha aiutato tanto, tantissimo. Mi hai fatto emozionare, piangere e ridere. Mi hai fatto sentire giustamente un po' in colpa e poi mi hai ricordato di essere forte, di doverlo a mio figlio.
      È stupendo quello che hai scritto al mio bambino, davvero toccante e bellissimo. Spero un giorno di farglielo leggere, intanto ci penso io facendolo a voce alta!!
      Ti abbracciamo con tanto amore.

      Elimina

Translate

I miei post via mail

Like us on Facebook