35

Il mio compleanno. Un pretesto per tornare.

giovedì, aprile 02, 2015

Forse potrà risultare un po' egocentrica, la scelta di riaffacciarmi in questo mondo il giorno del mio compleanno. È che ci provo da settimane a tornare, senza mai riuscirci veramente e allora mi sono detta che oggi posso osare ed usare poche, timide parole, provando così a vedere come mi sento. 

Amo questo luogo. Ci ho messo dentro la parte più consistente della mia vita, la più difficile, che è anche la più bella. Oggi, nel giorno in cui compio gli anni, le riflessioni sono se vogliamo ancora un po' di più. Roba tosta, per chi come me non smette mai di pensare. Nemmeno la notte, la mia amata e odiata notte, che non porta consiglio ma solo altro caos ed ulteriori ore di veglia.

I giorni sono trascorsi dal mio ultimo post e ne sono passati tanti. Era Natale e a pensarci adesso, sembra così lontano. In realtà lo è, un'intera stagione se n'è andata e le mie parole non scritte, sono volate via con lei. Le avevo tutte in testa, ma ho peccato di presunzione forse e loro non mi hanno assecondato, lasciandomi.
L'ansia di cui avevo parlato, è volata anche lei via. Sto bene, sotto quel punto di vista. Vi siete preoccupate in tante di me, in tantissime. Io non ho parole, ancora una volta, per ringraziarvi. Spesso penso di non meritare tutto questo affetto, d'altronde non ho fatto niente, se non raccontare la mia storia. Mi scuso con chi non ha ricevuto alcuna risposta privata, mi scuso col cuore. Vorrei poter spiegare perché non posso proprio farlo, vorrei poter essere brava abbastanza da far capire perché quando lascio questo mondo virtuale e voi, che virtuali non lo siete affatto nonostante non vi abbia mai fisicamente abbracciato, è perché qualcosa comincia a far male, dentro ed è un male quello, che non si può curare. Si attenua, col tempo. Panta rei - ed è vero, ma non senza conseguenze. Così lascio correre anche gli affetti, lascio cadere le domande e evito le risposte. Mi isolo e farlo dall'altra parte del mondo, non è poi così difficile. Non soffro la solitudine, non mi ha mai spaventato stare con me stessa. È qualcosa che mi fa stare bene, stare sola. A tratti. 

Non è cambiato niente, per chi se lo fosse chiesto. Niente relativamente al nostro ormai noto desiderio di allargare la famiglia. Nessuna sorpresa o segreto, solo vita, la nostra. Una famiglia di tre, con una coppia un po' acciaccata e un figlio sempre più grande e bello. Chi mi ha seguito su Instagram, lo vede regolarmente e può farsi un'idea di cosa intendo. 
Mio figlio, la mia ancora di salvezza. La mia unica certezza, in un mare molto spesso mosso. Non quello della mia città, che giace calmo a mio dispetto e che mi cura l'anima, ogni giorno. Il sale della mia vita che, insieme al sole, rendono la mia vita un po' più leggera. Abitare in un posto dove è sempre vacanza, fa questo effetto ed io sono grata a questa città, per tutta la luce che quotidianamente riflette in me, per il calore che non manca un solo giorno dell'anno.
Se tutto intorno a me però, è rimasto tale e quale o come nel caso di mio figlio, evolve seguendo il giusto ritmo, dentro me è tutta un'altra storia.
Sono stata in cura da uno psicologo, per scelta.
Non so se cinque sedute siano abbastanza per curare, ma a me quelle chiacchierate hanno fatto un gran bene. Lui, un uomo di una certa età dagli occhi vispi, mi ha fatto tenere un "diario di bordo", credo sia questa la giusta definizione. Un viaggio interiore attraverso le mie emozioni, quelle brutte chiaramente e una diagnosi un po' deludente, che è poi il motivo per cui abbiamo deciso insieme di rompere la nostra -  breve ma intensa - relazione. Non sono sufficientemente pazza, non come credevo. La mia ansia la riesco a gestire molto bene, a detta sua e a parte quella settimana d'inferno, non ho avuto altri episodi degni di nota. Scrivere quotidianamente le mie emozioni, mi ha fatto capire di aver sbagliato tutto, focalizzando la mia mente su argomenti errati e incolpando eventi, che invece non sono quelli che mi fanno stare male. Non nel quotidiano almeno.
Oh, è così facile incolpare la sfortuna e crogiolarsi dentro i brutti eventi!! La vittima, ecco cosa mi ritrovo a fare, di tanto in tanto. Ma non lo sono, io sono padrona delle mie azioni e scelte. La vita è stata una stronza con me, lo è stata molto di più con altri. Non ci sono giustificazioni. Così è venuto fuori che la mancata gravidanza non è il mio problema maggiore, che il mio rapporto con mio marito non è indistruttibile e soprattutto, è venuto alla luce un [inaspettato?] mio grande bisogno. C'è qualcosa che viene prima di molte cose, pare anche prima di Lui, anche se non prima di mio figlio ed è il mio bisogno di libertà.
Una sciocchezza, penserete. Ma non lo è, affatto, così come non lo è la mia totale assenza di sensi di colpa. Non ne ho mai parlato e oggi, con i miei trentaquattro anni appena compiuti, mi ritrovo a scrivere di questo. Forse si poteva intuire nel post in cui rivelavo la nostra infertilità, quello in cui racconto quanto per me la verità sia un concetto sopravvalutato. Ma c'è dietro molto di più e il mio non saper scendere a patti, ne è la prova.

Così i prossimi mesi, ancora una volta, non mi vedranno impegnata in esami e medicinali, ma bensì in viaggi. Partiamo la settimana prossima, probabilmente, per un primo viaggetto in Brasile. A maggio poi, ci sarà Lisbona prima e l'Italia dopo, per certo. Altri viaggi nel mezzo, dei quali parlerò più avanti.
È ancora una volta questo, quello di cui ho bisogno. Le domande sorgono naturali e sono le stesse che io pongo a me stessa. Non ho ancora trovato una risposta così, nel frattempo, faccio del mio meglio per godere di quello che ho. Di conoscere e riconoscere quello che sono e quello che ancora non so. 
Il mio orologio biologico mi spaventa, non posso negarlo. Il suo ticchettio rimbomba nella mia testa e soprattutto nella mia pancia. Una volta al mese suona una sveglia e mi ricorda che ho perso un'altra chance. Ma io continuo a spegnerla, quasi sempre col sorriso. Non ho più paura. La mia vita è un'incognita e a me non dispiace affatto. Non ho una routine ed è tutto un gran caos. Dove abito io è un porto di mare, tutto va e viene. Le persone, gli affetti, le cose. Noi in primis. Vivo il presente e dopo tanto, ho imparato a vederlo. Il futuro è là, mi aspetta anche se io non riesco a decifrarlo. Qualcosa di bello accadrà e se non dovesse, sarò io a fare in modo che accada.
















"Un uomo ha gli anni che si sente, una donna quelli che dimostra."
- M. Collins

... che 34 siano!!

ti potrebbero anche interessare

35 commenti

  1. Felice di avere tue notizie! Tanti carissimi auguri. E buona strada, buon vento, buon volo per i mesi che ti aspettano! Ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. Cara Eva,
    sono emozionata nello scriverti. Seguo anche il tuo fotodiario, Instagram. Insomma ti penso da parecchio tempo. Ho imparato da anni che tante volte quando le persone chiudono le comunicazioni, non stanno bene. Sono contenta che stai un pochino meglio.
    E' da tanto tempo che penso di girarti una domanda scomoda che mi fecero al corso pre-adottivo. Premessa: anch'io come te, ho sempre sognato una famiglia composta da un bimbo partorito da me e un bimbo adottato. La domanda che mi ronza ancora nella testa è questa: " Che fine ha fatto il desiderio di un bambino biologico?".
    In parte mi hai aiutata a rispondere. Hai un bellissimo figlio adottivo, ma il desiderio è ancora lì, più grande che mai. Realizzare un sogno non ne esclude un altro. Ma qui parliamo di un sogno infranto, un vero e proprio lutto. A questo punto mi chiedo, e forse te lo chiedi anche a tu: a che punto sto con l'elaborazione di questo enorme lutto? E un lutto come questo fa ritornare alla luce altri lutti irrisolti?
    Eva, lo so. Non è il classico augurio di Buon Compleanno. Ti regalo un pezzetto di me, un pezzetto fragile e delicato. Anche per ricambiare i tanti tuoi pezzetti delicati e preziosi.
    Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Eccoti qua, bello leggerti di nuovo...a volte il silenzio virtuale è necessario per rimpadronirsi della propria vita reale. E per quello che traspare dalle tuo foto, ti vedo sempre più forte e fiera, oltre che più bella...buon compleanno cara Eva, con tutto il mio affetto! E un abbraccio forte anche al tuo ometto dagli occhioni sempre più vispi!

    RispondiElimina
  4. Finalmente sei tornata...hai fatto bene a stare lontana se ne avevi bisogno...ma non farlo piu'!! :-D

    RispondiElimina
  5. E tiro un sospiro di sollievo....sei ancora qui e sei sempre tu, mari con qualche graffio e qualche livido nell'anima ma il tempo tutto guarisce.
    Sapevo che che saresti tornata una volta pronta ed è una gioia ritrovarti!
    Il tuo N.E. ... non ho parole, un gigante figlio del sole...che meraviglia!

    Resta con noi ci sei mancata tanto. ..un abbraccio grande

    RispondiElimina
  6. Che bello avere tue notizie, finalmente! !! Fare una psicoterapia, anche se breve, è sempre una scelta saggia:è un modo per fermarsi un attimo e fare il punto sulla tua vita, su quello che ti fa soffrire o che sembra sfuggirti di mano. Sono sicura che ora sei pronta per ripartire più consapevole di quelloche sei e delle cose che hai, e il tuo percorso come hai detto dipende tutto da te. La pprospettiva di tutti questi viaggi mi sembra perfetta! !! Tanti auguri con tutto il cuore, e torna a scrivere presto! !!

    RispondiElimina
  7. Che bello risentirti!
    Tantissimi auguri di buon compleanno e che questi 34 anni siano un nuovo inizio! Il vostro bambino è splendido (e grandissimo!) e ha un sorriso magnifico che fa trasparire tanta felicità!
    Ti/vi auguro tutto il bene possibile!
    Aspettiamo tanti post di viaggi allora!
    Un abbraccio
    Benedetta

    RispondiElimina
  8. In lacrime..... senza parole. 
    Quel dolore, quel dolore, certo che si può curare. Io ci voglio credere
    ti abbraccio forte, quasi farti male, ma senza farti male

    RispondiElimina
  9. Ciao Eva, rileggerti dopo un po' è stato come ritrovare un'amica, una persona cara...non so esattamente cosa mi leghi a te, le nostre vite, per quel che ne so sono piuttosto diverse, eppure anch'io sento quel senso di inquietudine, di irrequietezza e di profondità che sembrano esserti così noti...la nostra testa non smette mai di macinare, nel bene e nel male, nonostante lo sconforto e la malinconia, sentimenti di tutto rispetto in quanto tali, sei piena di risorse e di energia, sei inarrestabile...non ci vuole uno psicologo per capire che questa è una gran cosa qualsiasi destino dovrai affrontare...tantissimi auguri di cuore

    RispondiElimina
  10. "Bisogno di libertà" che bello poterlo urlare al mondo.

    RispondiElimina
  11. Che bello leggerti. Speravo stessi bene.
    A volte si viaggia per ritrovarsi, per nutrire l'anima, che ha sete di belle cose.
    Un abbraccio forte e auguroni

    RispondiElimina
  12. Buon compleanno Eva. Anche qui. Dovunque.

    RispondiElimina
  13. Mi hai fatto venire in mente una cosa. Fin quando ho tenuto un diario, avevo l'abitudine di scrivere le cose che mi rendevano triste. Mi sembrava di sfogarmi, di stare meglio. Sono passati molti anni, e forse proprio perché le ho scritte ho reso quelle ferite indelebili, per quanto mi sforzi ogni tanto ci penso ancora e mi fanno male.
    Da 15 anni a oggi ho deciso di scrivere solo le cose che mi rendono felice, e non so se la vita è diventata più buona con me, ma ho solo belle cose da rivivere nella mente. Quelle brutte sono sbiadite, non ricordo più esattamente come mi sentivo quando le ho vissute e forse significa che sono superate.

    Ti auguro una vita piena di bei momenti, che diventeranno teneri ricordi.
    E buon compleanno ♥

    RispondiElimina
  14. Io provo un'ammirazione è un amore fortissimo per quello che sei, e davvero avrei voglia di abbracciarti fortemente e calmare i nostri mari mossi e fermare quell'orologio biologico che corre con noi!
    Ti penso, spesso e so che prima o poi vi vedrò arrivare..
    http://youtu.be/XvyMG0z0FZY
    Loviù

    RispondiElimina
  15. Bentornata, che bello poter leggere (anche) le tue parole!

    RispondiElimina
  16. bentornata :)
    e augurissimi di buon compleanno!

    RispondiElimina
  17. Auguri!
    ma come è bello tornare a leggerti!
    A

    RispondiElimina
  18. Che piacere ritrovarti! Ben tornata... e soprattutto BUON COMPLEANNO!!

    RispondiElimina
  19. Oh quanto siete belli, siete sempre piu' belli. Ti abbraccio forte Eva, un passo per volta. La liberta' te la prendi si' con i viaggi ma soprattutto e' una conquista di testa.

    RispondiElimina
  20. Auguri Eva
    34 anni Son pochi ;-)
    Buoni viaggi e che libertà sia!

    RispondiElimina
  21. Bentornata Eva, leggendoti mi sono ricordata quanto sei bella e perche' ti pensavo con affetto anche se non c'eri.
    Pensavo che malgrado cio' che normalmente si pensa, forse ci si fa meno male mettendosi sotto la luce del microscopio, interrogandosi... da da pensare e non e' facile ma regala anche meravigliose epifanie.
    In bocca al lupo per tutti i tuoi sogno. :*

    Il vostro bimbo e' cresciuto tantissimo! <3

    RispondiElimina
  22. Malgrado tu non lo sappia e nonostante sia poca cosa, io ti penso spesso. Un abbraccio.
    Raffaella

    RispondiElimina
  23. Finalmente ti leggo.. volevo farlo quando avrei avuto un attimo di calma (pare facile).
    Chi ti segue (come me) e decide di scriverti una mail, non è per avere una risposta a nessuna domanda.. ma è solo per ridarti indietro un briciolo di quella fiducia che dai tu, raccontandoci la tua vita. Quindi non ti scusare ti prego.
    Sono rimasta davvero colpita: il tuo bisogno di liberta'.. ma è quello che sento anche io, porca miseria!! Non si concretizza con i viaggi, ma si manifesta con il "non sentirsi mai davvero di aver concluso". C'è sempre qualcosa dietro l'angolo di avventuroso.. Non so se rendo.. ;-)
    Intanto ci godiamo quel fusto di tuo figlio, un abbraccio grande!!

    RispondiElimina
  24. Finalmente sei tornata!!! Ciao Eva.. e tantissimi auguroni!! Te l'hanno già detto che li porti benissimo e pari una ragazzina?
    Felice che sia arrivata un po' di serenità.. ora goditi tutti i viaggi!!
    Un abbraccio,
    Greis

    RispondiElimina
  25. Felicissima di rileggerti. Siete semplicemente bellissimi entranbe!!!

    RispondiElimina
  26. Il compleanno mi sembra un giorno perfetto x ripartire e i viaggi futuri un bel regalo x voi! Sono contenta che stai un pó meglio! Ti abbraccio forte! Mi sei mancata! Elisabetta

    RispondiElimina
  27. Ciao cara è da un pò che non ti leggo ;) sxo vada tutto bene,passo per salutarti e per dirti che come dua anni fa ti ho premiata sul mio blog se ti va passa ;) https://inattesaditedaunavita82.wordpress.com/ Un abbraccio <3

    RispondiElimina
  28. Ciao cara è da un pò che non ti leggo ;) sxo vada tutto bene,passo per salutarti e per dirti che come dua anni fa ti ho premiata sul mio blog se ti va passa ;) https://inattesaditedaunavita82.wordpress.com/ Un abbraccio <3

    RispondiElimina
  29. Ti ho nominato per un tag! Se hai voglia/tempo di partecipare... https://ricominciodanoi.wordpress.com/2015/05/15/tag-whats-in-my-bag/

    RispondiElimina
  30. Ti leggo spesso, soprattutto si Instagram. Sei un'anima grande e splendente. In questo post, capitato mi sotto per caso, esplode tutta la tua onestà sentimentale, la consapevolezza di donna guerriera, il coraggio di leonessa. Tanta luce a te e alla tua allegra tribù, anima bella.
    Valentina (www.naturalentamente.it)

    RispondiElimina

Translate

I miei post via mail

Like us on Facebook