40

L'attesa pre Beta [Quinto giorno post Transfer]

lunedì, marzo 03, 2014

È cominciato il tempo dell'attesa. Gli interminabili giorni del dopo Transfer, quelli che precedono le agognate Beta. Le ore perdono ritmo, sembrano essersi dimenticate come si segue un orologio. Diventano ribelli e se ne fregano delle regole. Rallentano i minuti, i secondi. Il ticchettio diventa un rumore sconnesso, dalla cadenza irregolare. I pasti, tagliano piacevolmente le lunghe giornate. Il buio ci informa quando è ora di dormire e per chi come me, è più un dovere che un piacere, l'arrivo della luce è una sorta di salvezza, di rinascita. Una primavera quotidiana, che non placa i pensieri della mia mente sconnessa, ma le permette di trovare alternative ed occupazioni provvisorie.
In realtà, a me l'attesa non dispiace. In generale. E' il preludio di qualcosa di ambito, cercato, voluto, desiderato per lungo tempo. Può essere - il giorno prima della felicità - citando il libro di De Luca. Può essere il giorno prima del dolore, anche. Cerco di godere a pieno questo momento di completezza interiore. Trovo sorprendente il fatto di potermi considerare piena e probabilmente, sono anche un pò codarda. Perché mai nella vita, ho avuto tanto timore di una risposta.

In questa fase, mi comporto come fossi una bambola di cristallo. Fragile e potenzialmente tagliente.
Movimenti calmi e prudenti. Un mondo rivestito di ovatta, distorto dalla mia visione orizzontale, di donna perennemente sdraiata. 
Un riposo stancante. Non ho fermezza, mai avuta. Questa fase vegetativa è una violenza, più di quanto non lo siano le punture, che devo comunque farmi. Distesa, oltretutto. La sera del Transfer, se non mi avesse fermato mio marito, avrei centrato il mio dito. Risate registrate in sottofondo!!
Per affrontare questa fase slow motion della Pma, non mi sono state fatte particolari raccomandazioni, nè imposti divieti. Sesso a parte. Posso mangiare tutto, anche i dolci mi è stato detto, purché con moderazione. Non sto seguendo una dieta particolare. Cerco di mangiare bene, per quel che significa e per quanto possibile abitando in questo paese. Prima o poi ce la farò a fare un post sui cibi brasiliani?!! Bevo molto dall'inizio del trattamento, per scongiurare l'iperstimolazione. Vista la scarsa produzione di follicoli, mi domando se non abbia esagerato coi liquidi!!
Il giorno del Transfer, il Dr. Destino, mi ha caldamente consigliato di rimanere sdraiata almeno fino al giorno seguente, con le gambe piegate, così da favorire la circolazione verso il mio utero e siccome nutro grande stima verso quest'uomo, al quale ho affidato il mio futuro, sono rimasta in quella posizione praticamente per  24 ore. Pipì esclusa.
E' stata una tortura. La prima sera la mia pancia era gonfia come un pallone e quella posizione mi toglieva il fiato. La prima notte, mio marito ha dormito accanto ad una mummia, ma almeno lui ha dormito!! Il giorno seguente, ho continuato il gioco della bella statuina, esclusa una ora di panico.
Un forte mal di pancia. Progesterone, suggerisce il Dio Google. Dalla clinica mi hanno rassicurato, spiegandomi  che questo non influirà negativamente sul possibile attecchimento dei miei due ovociti.
Sabato, terzo giorno pt, ero in piedi. Ho dovuto scegliere tra la mia salute mentale e un eccesso di zelo non espressamente richiesto. Passate le prime 24h infatti, mi hanno consigliato di condurre una vita normale, evitando ovviamente sforzi e attività fisiche pesanti. Ovvero, usando il dovuto buon senso!!
Ieri, quarto giorno pt, mi sono concessa un'ora d'aria in un parco. So di poterlo fare, ma i rimorsi per aver camminato un pò e per aver viaggiato cinque minuti in taxi, mi hanno convinto che sto meglio nel mio pollaio, a fare la gallina giudiziosa.



Attualmente le mie droghe sono:
- per via della mia mutazione genetica MTHFR eterozigote, una puntura di Enoxoparina sodica. Simpatica da iniettare, quanto un dito in un occhio.
- Estradiolo in compresse. 4mg, in dose unica;
- Progesterone in ovuli. Due al mattino. Tre la sera;
- Progesterone in compresse. Due, con intervallo di 12h;
- Aspirina. Sostituita da un antidolorifico, nel giorno precedente il Transfer e mantenuta per 5 ulteriori giorni.
- Acido folico e Vitamine. In dose massiccia.

Le mie Beta sono previste - rullo di tamburi -  lunedì 10 Marzo. 
La mia attesa, si divide in due parti. In due luoghi differenti.
Cinque giorni qui, a São Paulo. Nella metropoli, dove il sole si nasconde tra i grattacieli e il panorama è dipinto di grigio.
Poi un volo di ritorno e altri cinque giorni di attesa a Casa!! Nel mio amato paese tropicale, dove il cielo si estende all'infinito, fino a confondersi con l'azzurro del mare e la natura mi avvolge con le sue infinite sfumature di verde.
La saudade di casa sta diventando insopportabile. Ho bisogno del perenne calore estivo, mitigato dalla brezza marina. Ho bisogno di dormire cullata dal rumore delle onde. Ho bisogno dello sfavillante sole mattutino. Ho bisogno del colore dei fiori e del profumo dei frutti. Ho bisogno di sapere che mi separano dalla spiaggia, solo pochi passi. 
Ho bisogno della mia Porto Seguro, perfetta anche nel nome.




Dulcis in fundo, voglio parlare di lui.
Questi son giorni speciali. Qualunque sia il risultato finale, io quest'avventura non la scorderò mai. Sarà sempre unica, anche se ci fosse la necessità di riprovarci. Perché ovviamente, non la vivrei con lo stesso slancio che si riserva ad ogni prima volta!!
Ma tutto il coraggio, la forza, la determinazione e la serenità con cui sono partita e con la quale sto affrontando il viaggio, la devo a mio figlio.
Lui è e rimane il centro del mio mondo. Lui conta. Il resto, per adesso, è qualcosa di addizionale, per quanto meraviglioso e fortemente voluto. Il resto, è per allargare la nostra famiglia, perché completa lo è gia!!
Per lui sono partita la prima volta, imbarcandomi in un altro tipo di avventura, altrettanto intensa e indimenticabile. L'adozione è stato un cammino emozionante, che mi ha condotto esattamente dove era scritto che io dovessi arrivare. L'adozione ha determinato parte di quello che sono oggi. Non l'infertilità, non il dolore. Che sicuramente fanno parte di me, ma non mi descrivono.
Mi lascio coccolare dalla disarmante dolcezza del mio bambino. La carezze e i baci che, spontaneamente, mi regala. Il resto del tempo è una furia, ma d'altronde l'energia dei suoi ormai oltrepassati due anni, da qualche parte dovrà pure sfogarla.
Mio figlio è qui con noi. Non ci siamo staccati da lui un solo istante, non gli abbiamo negato un solo momento di attenzione. L'uomo che ho scelto di avere accanto, non è solo un buon marito, ma anche un buon padre. I suoi modi da orso, nascondono un cuore immenso, capace di amare, accogliere, accudire e curare. La presenza dei miei meravigliosi suoceri, si è rivelata fondamentale. Gli sono infinitamente grata.



Così quest'anno, mentre tutto il Brasile festeggia il Carnevale, noi rimaniamo chiusi nella nostra campana di vetro.


"Chi sto aspettando? Che importanza ha? Un amante, un marito, un figlio o un medico con un verdetto, un assassino con il coltello, forse uno sconosciuto. L’importante e’ che io ora vivo in questa parte dell’universo, nel pianeta dell’attesa, separato e diverso dal pianeta di chi non aspetta nulla e nessuno."
[Le Beatrici - Stefano Benni]

ti potrebbero anche interessare

40 commenti

  1. Dolce Eva, i giorni dell'attesa sono carichi di speranze, di sogni, d'amore. Goditeli e che bello avere quel pulcino che ti coccola!! Mi fa una simpatia enorme....abbi pazienza e fiducia. Dita incrociate anche per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci provo, ci provo, ci provo. Ma tu sai perfettamente quanto sia difficile avere fiducia!!
      Vi abbraccio... Tutti e tre :)

      Elimina
  2. Come siete belli! Come sei bella!
    http://www.youtube.com/watch?v=Y-E53gmeO-8&feature=kp
    Vicina Vicina Vicina*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho amato questa canzone, come il film che me l'ha fatta conoscere. Nell'epoca dell'età ribelle, fuori legge.
      Grazie tesoro!!

      Elimina
  3. Mah si, non ti sentire in colpa per le uscite, tanto se deve andare va...lo so, l'avrai gia' sentito dire milioni di volte, ma e' vero. Pensa a tutte le volte che una mamma prende in braccio il primogenito, o anche i tanti altri figli: se questo bastasse a non rimanere incinta, nessuna donna avrebbe piu' di un bambino ;-)
    Anch'io sto prendendo gli estrogeni, e mi fa un po' strano, ma pare che aiuti...mah. Evvai di progesterone pure qui...evviva O_o
    Molto vero quello che dici sul dolore che fa parte di noi ma che non ci descrive: noi siamo quello, si, ma anche altro, molto altro ancora!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso esattamente come te. Le statistiche non fanno la regola e alla base c'è la botta di culo.
      Il compito più difficile è mantenere alto l'umore... Soprattutto quando siamo strafatte :)

      Elimina
  4. Eva, la tua forza e al tempo stesso fragilità, si sente fin qui...
    In questo lungo periodo di "attesa" anche per me, se non avessi per caso trovato il tuo blog mi sarei sentita molo più sola e scoraggiata. Anche se le amicizie più intime sono sempre presenti, le storie comuni o in parte comuni, ci sostengono, ci fanno compagnia e non ci fanno sentire diverse.
    Grazie! Grazie anche per i dettagli tecnici con i quali hai descritto questo percorso, grazie per il sentimento che ci hai messo nel descriverlo, per la dolcezza e la sensibilità.
    Ti auguro che questa attesa sfoci in pura felicità....Doris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale lo stesso per me. Se non avessi te e le altre a farmi compagnia e ad appoggiarmi in questo viaggio, sarebbe ancora più difficile!!
      L'attesa, quando non si è soli, risulta sempre un pò più dolce!!
      Sei un amore Doris, grazie.

      Elimina
  5. Vista così l'attesa sembra meno brutta e spaventosa di come la vivo sempre io, devo ringraziarti per avermi fatto vedere quel che di solito ignoro per paura.
    Coccola ancora le tue bellissime OVA. Io te le coccolo da qui col pensiero.
    Un bacio grande tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quando ti dicevo che gli ormoni con me non funzionano?? Ecco, dicevo una stronzata :)
      Qui buio e luce creano effetti psichedelici... Però le uova, che ormai si spera non siano più tali, le coccolo eccome.
      Grazie cara.

      Elimina
  6. Un bacio enorme, col fiato sospeso... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici... Io devo ricordarmi di respirare di tanto in tanto :D
      Grazie Nina

      Elimina
  7. Cara Eva, nella foto il tuo bimbo ha lo sguardo di tuo marito. A dimostrazione che i miracoli, a volte succedono. E non é per nulla vero che chi ne ha avuto uno non ne merita altri.. Anzi io sono convinta che felicità chiami felicità. Cerca di goderti il tuo Porto Seguro... Credo che avere casa in un posto così renda le difficoltà un po' più dolci... Ti abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo argomento vorrei scriverci un post. Accade di frequente che a mio marito venga detto che nostro figlio gli somiglia. È incredibile come l'amore e lo stare insieme, plasmi due persone e il loro rapporto è davvero speciale!!
      Non mi aspetto un altro miracolo, ho fatto tutto il possibile per inseguire il mio desiderio. Penso che, al di là della pma, ogni donna che cerca con tanta forza, merita di poter abbracciare il proprio bambino!!
      Domani sono a casa :)
      Ti abbraccio

      Elimina
  8. Un abbraccio forte e tante coccole per i tuoi piccoletti, che se ne stiano li' belli ancorati, stretti stretti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara.. Chissà che dicendoglielo te, la prendano un pò più sul professionale e rimangano davvero ancorati alla loro mamma :)

      Elimina
  9. :-)
    vi mandiamo vibrazioni positive :-)

    ma quanta forza ci danno questi piccoli ometti? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marica, è proprio quello di cui abbiamo bisogno!!

      La forza che ci danno loro, è talmente grande da non poter essere raccontata :)

      Elimina
  10. Mi piace come racconti questi giorni..si respira una grande serenità, nonostante l'attesa a volte sia difficile. Sicuramente è perchè voi tre siete già una meravigliosa famiglia, e questa è la tua grande forza!!! Dai, tra poco tornerai a casa tua e continuerai a coccolarti la pancia con amore!!! Aspettiamo con te!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La consapevolezza di essere già mamma, mi permette di vivere con più tranquillità. Il mio bambino, è il mio sorriso. Anche se il mio umore in questo giorni, viaggia su un'altalena!! Domani sarò a casa :) Grazie Ellie.

      Elimina
  11. La forza che ci danno i bambini è incredibile, eppure sono esseri così piccoli e indifesi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah dimenticavo, bellissima la nuova impaginazione.

      Elimina
    2. È verissimo!! I bambini hanno una potenza incredibile, a dispetto della loro fragile apparenza.
      Grazie!! In questi giorni mi sento in vena di cambiamenti ;)
      Ti abbraccio

      Elimina
  12. ho letto il tuo post tutto d'un fiato.... il tempo si è fermato anche nella mia stanza.... vibrazioni positive anche da qui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivate e tanto tanto gradite. Il tempo stringe e i pensieri positivi, mi fanno un gran bene!!

      Elimina
  13. Dolce Eva, aspettiamo con te. Bacio grande.

    RispondiElimina
  14. I giorni del post transfer sono davvero strani, li ho provati una volta soltanto e spero tanto di avere la fortuna di provarli ancora... sono sospesi, pieni di sogni e di paure.
    Sono giorni pieni.
    Il giorno prima della felicità è un libro bellissimo.. pieno di poesia e ti auguro che questa poesia resti con te fino e oltre le beta...
    ti mando un abbraccio e un sorriso!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li sto provando per la prima volta e attualmente i pensieri, i sentimenti, le sensazioni e gli sbazi di umore sono così diversi tra loro, da non riuscire nemmeno a dargli una parvenza di ordine!!
      Prendo il calore del tuo abbraccio e mi stampo anche io un bel sorriso... Finché dura :)

      Elimina
  15. Incrocio e aspetto insieme a voi! Peró oggi mi hai fatto ripensare al fatto che, i giorni in cui sono rimasta incinta avevo iniziato per la prima volta nella vita a correre, jogging intendo..durato poco, qualche giorno dopo il test positivo annunciava l'arrivo della mia nanina :) se ti senti più tranquilla stai a riposo, male non fa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!
      Credo che alla base ci sia che una gravidanza naturale, desti meno preoccupazioni di una cercata attraverso la pma. Nel libro che ha scritto il mio dottore, tra le cose da evitare, alla voce corsa c'è scritto: "Non pensateci nemmeno!!" ;)

      Elimina
    2. Certo non volevo dire che devi correre ci mancherebbe, sarebbe il colmo, ma mi viene da ridere quando penso che io mai corso in vita mia e preciso in quel momento??!!! Anche perché poi io ripensandoci me la sono fatta sotto e in gravidanza anche io passavo le giornate come una gallina, avevo troppa paura

      Elimina
  16. Gallinella bella, continua a covare :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai covato con tanta cura!! Domani torno anche al mio pollaio :)

      Elimina
  17. Poesia, le tue riflessioni, come sempre.
    Ti abbraccio, e aspetto con te.
    Ah, tuo figlio è davvero bellissimo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, grazie mille!!
      Ho letto il tuo post. Sono qui che spero con tutto il cuore che tutto si sistemi.
      Ti abbraccio

      Elimina
  18. Ciao Eva come si è conclusa la tua dolce e serena attesa? Io ho fatto il trasfer ieri e ho iniziato la cova sto cercando di vivere la lunga attesa con la massima serenità e cercando d'applicare il motto crederci sempre e arrendersi mai. Qualsiasi sia il risultato penso che siamo tutte delle grandi donne per i sacrifici fisici e psicologici che affrontiamo e già questo è importante. Speriamo di riuscire a realizzare il nostro grande sogno. In bocca alla cicogna a tutte.

    RispondiElimina

Translate

I miei post via mail

Like us on Facebook