13

La cura

mercoledì, febbraio 20, 2013



Domani partiamo.
Le nostre valige rosse sono accatastate vicino alla porta. Io mi guardo intorno come un'ossessa, nella speranza di vedere segnali luminosi indicare oggetti che potrei aver dimenticato.
Ripercorro mentalemente la lista di cose necessarie per il benestare del bambino, nella consapevolezza che se dovessi dimenticare qualcosa, me lo ricorderò non appena appoggiato il sedere sull'aereo.

N.E. in questi giorni è stato abbastanza agitato. Sul corpo ha delle piccole bollicine, tipo sudorina, che gratta con insistenza!!
Ho preso una crema sotto consiglio del nostro farmacista di fiducia, il Santone lo chiamiamo noi. Un piccolo uomo che sembra avere sempre la cura giusta. Ci sono state situazioni in cui non gli ho dato fiducia e mi sono dovuta ricredere, quando il nostro medico ci ha dato lo stesso, identico trattamento da seguire!! Ed è l'unico posto dove le medicine hanno un costo bassissimo.
Non siamo stati dal dottore. Spero di non pentirmene amaramente!!

Qualche giorno fa la clinica mi ha scritto, chiedendo a me di scegliere se fare l'isteroscopia diagnostica con biopsia endometriale, con o senza anestesia. Sono andata in panico, avevo dato per scontato di farla con, visto che qui addormentano anche per interventi minori.
Ho chiesto consiglio a mia madre, mia suocera e ad alcune amiche [grazie Marica!!], arrivando alla conclusione di farla da addormentata.
Poi ho deciso di chiederlo alla clinica stessa, non sapendo bene se aspettarmi una risposta concreta o un bel vaffa!! Mi hanno risposto seriamente [non devo essere l'unica a fare domande cretine!!], dicendo che la maggior parte delle pazienti lo fanno da sveglie e soprattutto che il costo con anestesia è tre volte un valore già decisamente alto. Nella prima mail questo "piccolo dettaglio" lo avevano omesso [!!].
Onestamente non siamo qui a contare i soldi, ben consapevoli che ne dovremo tirare fuori tanti. Però mi son detta che se la maggior parte delle donne riescono a sopportare quel dolore, anche io dovrei riuscirci e siamo già d'accordo col marito, che quei soldi risparmiati potrò utilizzarli per uno shopping convulso e fuori controllo, cosa che non faccio da non so quanto tempo.

A convincermi però, è stata soprattutto mia madre.
Temevo il suo consiglio e allo stesso modo, ne avevo bisogno!! E' una donna forte, una che ha preso tanti schiaffi dalla vita senza piegarsi mai, una che ha cresciuto due figlie da sola, lontana dalla sua famiglia. Una che arrivata a sessant'anni, alla pensione, quando si dovrebbe ricominciare a godere della vita, si trova al fianco dell'uomo che ama e che ha i giorni contati.
Nella primavera di due anni fa, le dissero che il suo amore non avrebbe superato l'estate.
Tumore al fegato.
Ma anche il compagno di mia madre è un uomo forte ed è ancora accanto a lei. Nonostante il male continui ad insinuarsi dentro di lui, nonostante non ci siano cure o speranze, nonostante ormai sia diventato pelle e ossa.
E io la chiamo per una stupida isteroscopia dagnostica!! Sembra ridicolo, lo so. Ma noi siamo fatte così, non lasciamo che un dramma cancelli i nostri piccoli problemi.
Lei non lo permette.
Lei che ogni giorno "va tutto bene", ogni giorno "non ti preoccupare".
Quando l'ho chiamata mi sono scusata per la domanda sciocca e ho atteso la sua paternale, che tanto amo!!
Lo stesso esame lei lo ha fatto, anni fa. Ero certa non avesse sentito male, ha una soglia del dolore altissima, non si lamenta mai, raramente usa farmaci. Ha avuto due parti cesarei, per cui il suo utero non dovrebbe essere molto più dilatato del mio, che non ho MAI partorito.
Mi ha detto che se ho paura adesso, cosa farò quando dovrò metterlo al mondo un bambino [ottimista!!], mi ha detto che in Italia spesso questo tipo di intervento viene fatto senza anestesia, che non devo avere timore.
Mi ha detto che mentre sono su quel lettino, devo pensare al PERCHE' lo sto facendo.
Devo pensare agli altri miei figli, a quelli che verranno. Devo pensare che sto preparando il loro nido, lo sto rendendo accogliente. Devo pensare che questo desiderio di una gravidanza è il vero motivo e pochi minuti di dolore non sono niente al confronto di quello che abbiamo passato!!

A dire il vero, sono tutte cose che erano già nella mia testa e non è stato tanto il succo del discorso, quanto il COME me lo ha detto.
E' quello che più mi manca. E' quello che più mi ferisce di questa lontananza.
Non aver nessuno che mi guardi negli occhi e mi dica le cose così come stanno, cose scontate, cose che conosco già, ma che escono dalla bocca di qualcuno che mi ama.

Perché anche una madre ha bisogno di sua madre.
Perché solo adesso, che lo sono diventata, capisco quanto profondo sia l'amore che lei prova per me.
Perché ci sono un'infinità di modi per curarsi e farsi curare.
Perché si può curare il corpo e il cuore, anche.


E allora si fa tutto senza anestesia, alla faccia del dolore!!
Sono anche irrazionalemente tranquilla. Felice di partire, di affrontare il nuovo, di dare una bella spinta in avanti al futuro.

Partiremo domattina.
Ho fatto un pò di scorta di generi alimentari per la nostra sopravvivenza, per quella di N.E. soprattutto.
Spero si comporti bene durante il volo, crescendo diventa sempre più complicato avere il controllo su di lui. Se proprio devo dirla tutta, il pensiero più grande che ho, è che la casa che abbiamo affittato non ha il lettino.
N.E. dorme tanto e bene. Ma nel suo lettino.
Abbiamo appena provato a farlo dormire di pomeriggio col padre nel lettone, tentativo fallito. Il nostro letto, per lui, è un parco di divertimento e non ha niente a che fare con l'idea di riposare e, fosse mai, dormire!!
Ma la casa è grande e troveremo una soluzione, ne sono certa.
Dalle foto sembra molto bella. E' di una signora che ogni tanto la libera per affittarla, probabilmente un'artista, visto che sembra più uno studio che un'abitazione. Pieno di quadri, cavalletti e materiali per dipingere.
Già mi vedo correre dietro al bambino, urlando - quello non si tocca!!.
Ci sono grandi finestre, tetto in travi e un delizioso cortile.
L'abbiamo amata da subito e preferita ad una fredda stanza di hotel. Anche perché essendo vicina alla clinica e ai negozi, potrebbe essere la sistemazione perfetta per quando il soggiorno sarà più lungo e noi saremo lì pieni di speranza, nel tentativo concreto di dare un fratellino o una sorellina al nostro amore.

Abbiamo anche affittato una macchina, tanto per non fareci mancare niente!!
Spero di riuscire a trovare un pò di tempo per aggiornare il blog e, appena possibile, metterò alcune foto della nostra prima esperienza in quel di San Paolo.
Abbiamo pochi giorni ed un bellissimo programma. Mio marito è bravissimo ad organizzare i nostri viaggi e io spero di essere abbastanza in forma da potermelo gustare a pieno.

E speriamo di tornare con buone notizie!!


Non sempre il tempo la beltà cancella | O la sfioran le lacrime e gli affanni; | Mia madre ha sessant'anni, | E più la guardo e più mi sembra bella.
[Edmondo De Amicis]

ti potrebbero anche interessare

13 commenti

  1. Auguri per tutto! Io l'isteroscopia l'ho fatta da sveglia e non ho provato dolore. Potresti essere fortunata pure tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi rincuori!!
      Ricambio gli auguri... ho letto che anche tu stai per vivere una grande avventura.

      Elimina
  2. In bocca al lupo per questa nuova e bellissima avventura...e buon viaggio! :-)

    RispondiElimina
  3. :-)
    buon viaggio.... ti pensero' tanto!!!!

    sono sicura che hai preso la decisione giusta, e poi cosi' inizi a prepararti per i dolori del parto, eheheh ;-D

    per il lettino.... non c'e' un posto dove si possono affittare a san paolo?
    qui e' abbastanza diffuso fare cosi', non so li' da te.

    in bocca al lupo per il volo... ma anche questo e' di preparazione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ti penserò e non vedo l'ora di sapere tutte le novità!!

      Può darsi che ci sia questa possibilità per il lettino, ma non abbiamo fatto ricerche. Vediamo come va la prima notte, sennò credo che seguirò il tuo consiglio.

      Davvero... questo viaggio è la prova generale di tutto quello che dovremo affrontare :)
      In bocca al lupo anche a te e aggiornami appena possibile!!

      Elimina
  4. Tua madre è una donna coraggiosa, ma tu non sei da meno.

    San Paolo credo sia un bel bordello, attendo il resoconto!

    E in bocca al lupo per l'inizio di questo cammino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è solo San Paolo ad essere incasinata... questi viaggi sono sempre pieni di sorprese!!

      Crepi.

      Elimina
  5. attendo notizie cara...ti leggo sempre!

    RispondiElimina

Translate

I miei post via mail

Like us on Facebook